31 Ottobre 2020 - 14:55

Istruzione digitale. ISFE: “L’uso dei videogiochi in classe aumenta le abilità dei ragazzi”

Il piano d’azione dell’UE per l’istruzione digitale dovrebbe includere i videogiochi per promuovere l’alfabetizzazione digitale e contribuire a colmare il divario di competenze digitali in Europa. E’ questo il punto

24 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il piano d’azione dell’UE per l’istruzione digitale dovrebbe includere i videogiochi per promuovere l’alfabetizzazione digitale e contribuire a colmare il divario di competenze digitali in Europa.

E’ questo il punto di vista dell’ISFE che presenta i risultati del progetto Games in Schools, pochi giorni prima della pubblicazione la prossima settimana del piano d’azione per l’istruzione digitale aggiornato della Commissione europea.

Il progetto include il nuovo manuale degli insegnanti, una risorsa creata per gli insegnanti, in collaborazione con European Schoolnet (la rete di 34 Ministeri dell’Istruzione). Games in Schools è progettato per fornire agli insegnanti una formazione su come utilizzare i videogiochi commerciali come supporto pedagogico in classe per supportare il coinvolgimento degli studenti e lo sviluppo delle competenze digitali, aumentare l’alfabetizzazione digitale e contribuire a colmare il divario di competenze digitali in Europa. Hanno partecipato più di 4.200 insegnanti da tutta Europa.

“Ci sono molte prove che l’uso dei videogiochi in classe aumenta importanti abilità del 21 ° secolo: lavoro di squadra, comunicazione, problem solving, pensiero critico, capacità analitiche e molto altro. I videogiochi sono fondamentali per la società odierna e la Commissione europea dovrebbe utilizzare il piano d’azione per l’istruzione digitale per incoraggiare tutti i governi nazionali ad cogliere l’opportunità di crescita digitale e occupazione in Europa che rappresentano e di seguire l’esempio del governo polacco aggiungendoli al curriculum scolastico. L’industria europea dei videogiochi vale 21,6 miliardi di euro ed è cresciuta del 55% negli ultimi cinque anni. Gli educatori europei devono mettersi al passo e preparare i nostri giovani per i lavori del futuro” ha dichiarato Simon Little, CEO di ISFE.

La Commissione Europea cita il Piano d’Azione come uno strumento chiave nel processo di recupero dal COVID-19. Un recente studio Ipsos MORI commissionato da ISFE ha rilevato che un genitore su cinque concorda sul fatto che i videogiochi hanno aiutato con l’istruzione dei propri figli e un’alta percentuale di genitori concorda sul fatto che giocare ai videogiochi ha avuto un impatto positivo sulla salute mentale durante il blocco. I videogiochi erano uno strumento prezioso per le persone per rimanere in contatto con amici e familiari online, per l’istruzione, il fitness e l’intrattenimento durante la peggiore pandemia.

“La pandemia ha messo in luce l’importanza di sostenere gli insegnanti nell’utilizzo degli strumenti digitali in modo pedagogicamente efficace. I videogiochi hanno il potenziale non solo di coinvolgere gli studenti nell’apprendimento, ma anche di trasformarli da consumatori passivi di media digitali a creatori e sviluppatori che danno forma ai media digitali di domani. Il progetto Games in Schools ha fornito agli insegnanti formazione e guida su come raggiungere questo cambiamento attraverso attività di apprendimento pedagogiche che fanno uso di videogiochi in classe” ha commentato Marc Durando, direttore esecutivo di European Schoolnet.

 

I risultati di Games in Schools, che ha raggiunto con successo più di 4.200 insegnanti in tutta Europa nel 2019, e il nuovo manuale per gli insegnanti verranno presentati il ​​29 settembre in un evento online gratuito, “Learning by Playing”, gentilmente supportato da Sabine Verheyen, Chair of la Commissione Cultura e Istruzione del Parlamento Europeo con un discorso introduttivo di Antoaneta Angelova-Krasteva, Direttore per l’Innovazione, la Cooperazione Internazionale e lo Sport, DG EAC, Commissione Europea.

Pressgiochi