21 Settembre 2020 - 01:11

Ippica. Martina (Mipaaf): “Separare la gestione del libro genealogico porterebbe aumenti di costo per gli allevatori sardi”

“Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali è subentrato nelle attribuzioni e nei rapporti attivi e passivi inerenti alle funzioni facenti capo all’Agenzia per lo sviluppo del settore ippico

13 Maggio 2015

Print Friendly, PDF & Email

“Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali è subentrato nelle attribuzioni e nei rapporti attivi e passivi inerenti alle funzioni facenti capo all’Agenzia per lo sviluppo del settore ippico (Assi), già successore ex lege 15 luglio 2011, n. 111, dell’Unione nazionale per l’incremento delle razze equine (Unire)” ha dichiarato il ministro Maurizio Martina nel rispondere all’interrogazione dell’on. Pierpaolo Vargiu sulla possibile gestione del libro genealogico del cavallo anglo-arabo da parte dell’associazione ippica sarda.

“Nello specifico, il Ministero è subentrato nella gestione dei libri genealogici dei cavalli di razza puro sangue inglese, dei cavalli di razza trottatore e dei cavalli delle razze orientale, anglo-arabo e sella italiano, già di competenza dell’Assi.

Ritengo che il decremento numerico della razza anglo-araba, non possa essere ricondotto ad una presunta carenza di politica selettiva da parte del Ministero bensì alla più generale crisi che ha colpito il comparto ippico.

Faccio, inoltre, presente che il disciplinare dei libri genealogici (approvato con decreto ministeriale n. 3580 del 12 giugno 2008), individua la Commissione tecnica centrale (Ctc) quale organo deputato alla selezione. Difatti, l’articolo 4 del citato disciplinare, dispone che la Ctc «studia e determina i criteri e gli indirizzi per il miglioramento delle razze», tra le quali quella anglo-araba. Alla citata Commissione partecipano, oltre ad esperti ed allevatori, tre rappresentanti provenienti dalla Sardegna in rappresentanza, rispettivamente, della regione Sardegna, dell’Associazione nazionale allevatori del cavallo anglo-arabo e derivati (Anacaad) e del corpo nazionale degli esperti, che, in tale sede, possono offrire il proprio contributo per la politica selettiva del cavallo anglo-arabo, attuando, in tal senso, l’auspicata collaborazione tra il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e la regione Sardegna.

Ritengo, inoltre, di dover ricordare che l’avvio del programma di selezione mediante l’elaborazione degli indici genetici è imminente, ed è stato esteso anche alla razza anglo-araba oltre al cavallo da sella italiano.

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali già finanzia programmi volti alla preparazione ed alla selezione all’attività agonistica diretti anche ai cavalli anglo-arabi, tra cui le corse in ippodromo per cavalli con diretti anche ai cavalli anglo-arabi, tra cui le corse in ippodromo per cavalli con attitudine alla corsa e il circuito allevatoriale per i cavalli con attitudine al salto, diviso in prove per i cavalli di tre anni (prova morfo-funzionale, prova di obbedienza e prova di salto in libertà), ed in prove per i cavalli di quattro anni ed oltre (concorsi di salto ostacoli, di completo di equitazione, di dressage e di endurance).

Faccio presente – ha concluso il ministro – che il tentativo di separare la gestione del libro genealogico del cavallo anglo-arabo dalla gestione degli altri libri genealogici, si porrebbe in contrasto con una corretta gestione delle economie di scala, conducendo inevitabilmente ad un aggravio burocratico e aumenti di costo per gli allevatori”.

PressGiochi