28 Settembre 2020 - 18:36

Caltanissetta: chiesta la condanna per tutti gli imputati del processo “Les jeus sont faits”

Chiesta la  condanna di tutti i 48 imputati del maxi processo “Les jeus sont faits”, nato dall’omonima operazione  che fece luce sull’affare delle macchinette slot machine taroccate e sugli interessi

04 Marzo 2015

Print Friendly, PDF & Email

Chiesta la  condanna di tutti i 48 imputati del maxi processo “Les jeus sont faits”, nato dall’omonima operazione  che fece luce sull’affare delle macchinette slot machine taroccate e sugli interessi di Cosa Nostra nissena nel settore. La richiesta totale e di oltre 260 anni di carcere, devono rispondere a vario titolo di concorso esterno in associazione mafiosa, peculato, truffa allo Stato, frode informatica, concussione e corruzione. Questa è stata la richiesta avanzata al Tribunale collegiale presieduto da Antonio Napoli da parte del pubblico ministero Giovanni di Leo.

Infine chiesti 4 anni e 8 mesi di reclusione per i gestori dei bar, delle sale scommesse e giochi, ritenuti dalla Procura complici del sistema. L’udienza è stata aggiornata al 10 marzo, giorno in cui interverranno i difensori degli imputati.

PressGiochi