06 luglio 2020
ore 04:54
Home In evidenza Calabria. Libera Catanzaro chiede di annullare delibera per il rinvio delle norme sul gioco

Calabria. Libera Catanzaro chiede di annullare delibera per il rinvio delle norme sul gioco

SHARE
Calabria. Libera Catanzaro chiede di annullare delibera per il rinvio delle norme sul gioco

“La Regione Calabria, con gli interventi contenuti nella legge regionale n. 9 del 26 aprile 2018, modificati dalla legge n.51 del 28 dicembre 2018 e dalla legge n.1 del 30 aprile 2020, aveva disciplinato importanti aspetti del contrasto alla ludopatia, e della lotta alla ‘ndrangheta. Nei giorni scorsi, con una delibera del Consiglio regionale approvata in meno di due minuti lo scorso 26 maggio che ha mescolato provvedimenti eterogenei e delicati, è stato stabilito, tra le altre cose, che gli esercizi commerciali, oggetto della legge anti-ludopatia, avranno tempo fino ad aprile 2022 (ben due anni in più rispetto a quanto originariamente previsto), per adeguarsi alle norme”.

 

Lo afferma il coordinamento provinciale di Catanzaro di “Libera”. Nelle norme originarie, è scritto in una nota, “le innovazioni riguardavano vari aspetti: limitazione degli orari di apertura di sale da gioco (dedicate ai cosiddetti apparecchi da intrattenimento), sale scommesse, esercizi pubblici e commerciali, circoli privati e i locali pubblici o aperti al pubblico in cui sono presenti o accessibili forme di gioco d’azzardo; distanze, dei suddetti esercizi commerciali, rispetto ad una serie di luoghi sensibili: scuole, centri di formazione, luoghi di culto, ospedali, impianti sportivi, luoghi di aggregazione giovanile, istituti di credito e sportelli bancomat, compro oro e stazioni ferroviarie; e altre misure di contrasto ad un fenomeno che, in Calabria, ha decisamente superato i livelli di allarme. Era stabilito che, titolari di sale da gioco, tabaccherie, e sale scommesse esistenti, alla data di entrata in vigore della legge, si dovessero adeguare a quanto previsto entro i 12 mesi successivi (diventati 24 con le modifiche della legge n.51 del 2018 e prorogati a 48 mesi con la legge n.1 del 2020), pena l’irrogazione di pesanti sanzioni pecuniarie, fino ad arrivare alla chiusura degli apparecchi. Come Libera, avevamo accolto con favore questi provvedimenti, sostenuti fattivamente dalla Commissione regionale antindrangheta, che avevano allineato la Calabria alle altre Regioni che combattono il fenomeno, portando ordine e costituendo un importante strumento di contrasto alla piaga della ludopatia”.

E ancora: “La dipendenza dal gioco d’azzardo (ludopatia)  causa gravi danni d’ogni tipo non da ultimo il rischio di finire nelle mani della ‘ndrangheta attraverso l’usura. Sminuirli sarebbe negare che il fuoco brucia. Ora, se per non bruciarsi occorre restare lontani dal fuoco, per contrastare la ludopatia occorre intervenire sulla distanza tra vittima (anche potenziale) e offerta dell’azzardo. Per questi motivi auspichiamo un cambio di passo del Consiglio regionale e la cancellazione della delibera”.

 

 

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN