20 Settembre 2020 - 19:35

Baretta su richieste nulla osta di fine 2015: “Un autogol per gli stessi operatori”

“Le indicazioni fornite dal Sottosegretario Baretta in merito al numero di slot oggi presenti sul mercato consentono di rimettere ordine in relazione a tale problematica”. Lo ha dichiarato il deputato

13 Maggio 2016

Print Friendly, PDF & Email

“Le indicazioni fornite dal Sottosegretario Baretta in merito al numero di slot oggi presenti sul mercato consentono di rimettere ordine in relazione a tale problematica”. Lo ha dichiarato il deputato Giovanni Paglia del Sel commentando la risposta avuta dal sottosegretario.

“Spero – ha continuato – che si proceda rapidamente all’emanazione del decreto ministeriale previsto in materia, al fine di garantire un quadro normativo chiaro. Sarà utile approfondire le ragioni della discrepanza tra i dati relativi ai nulla osta per l’esercizio degli apparecchi da gioco in essere al 31 luglio 2015 e quelli relativi al 31 dicembre 2015, in quanto credo sia opportuno chiarire quali siano le motivazioni che hanno indotto gli operatori del settore a fare incetta di nulla osta, nonostante tale comportamento si rilevi sostanzialmente inutile, in quanto la riduzione dei predetti nulla osta prevista dalla legge di stabilità 2016 fa riferimento agli apparecchi attivi alla data del 31 luglio 2015.

Baretta ha inoltre sottolineato come anche il Governo si sia interrogato circa le ragioni che hanno indotto gli operatori del settore ad acquisire ulteriori nulla osta nell’ultima parte del 2015, condividendo la valutazione secondo cui tale comportamento si sia rivelato in realtà un «autogol» degli operatori stessi, probabilmente legata all’incertezza, in quella fase, circa il definitivo tenore delle norme della legge di stabilità su tali aspetti e al timore che le predette norme potessero risultare ancor più ristrittive relativamente alla riduzione degli apparecchi da gioco. Rileva infatti come l’acquisizione di un numero eccessivo di nulla osta risulti del tutto inutile, sia in quanto non è possibile gonfiare il mercato degli apparecchi da gioco, sia in quanto essa non appare congruente con il vigente quadro normativo in materia.

PressGiochi

 

Baretta: “Le slot diminuiranno di oltre il 30%”