22 Settembre 2020 - 18:58

Assestamento Bilancio dello Stato 2020: si riducono gli stanziamenti relativi agli aggi e alle vincite per giochi, scommesse e lotterie per 3,9 mld di euro

Si riducono gli stanziamenti relativi agli aggi e alle vincite per giochi, scommesse e lotterie per complessivi 3.935 milioni di euro, disposta in relazione all’andamento del volume dei giochi e delle correlate entrate…

16 Luglio 2020

Print Friendly, PDF & Email

E’ stato assegnato in sede referente alla V Commissione Bilancio il disegni di legge relativo al rendiconto generale dell’Amministrazione dello Stato per l’esercizio finanziario 2019 e quello relativo all’assestamento del bilancio dello Stato per l’anno finanziario 2020.

L’ assestamento del bilancio dello Stato per l’anno finanziario 2020 segnala una “riduzione delle entrate deriva da una diminuzione delle entrate tributarie nella misura di 38.976 milioni di euro, interamente determinata dal consistente deterioramento della previsione macroeconomica illustrata nel Documento di economia e finanza 2020 (DEF 2020) rispetto alla precedente stima. Incide anche la contrazione delle entrate extra-tributarie, nella misura di 11.849 milioni di euro, che risentono della riduzione dei proventi derivanti dall’attività di contrasto degli illeciti di natura tributaria e non tributaria e dei proventi dei giochi, nonché della rettifica apportata con il disegno di legge alla previsione degli utili della Banca d’Italia per ragguagliarla alle somme effettivamente versate”.

 

Si riducono gli stanziamenti relativi agli aggi e alle vincite per giochi, scommesse e lotterie per complessivi 3.935 milioni di euro, disposta in relazione all’andamento del volume dei giochi e delle correlate entrate, e dalla contrazione degli stanziamenti destinati agli interessi sui conti correnti di tesoreria, in relazione alle minori esigenze, per 1.500 milioni di euro.

 

Le entrate extra-tributarie registrano una diminuzione di 11.849 milioni di euro per la competenza e di 11.019 milioni per la cassa, principalmente per effetto della riduzione dei proventi derivanti dall’attività di contrasto degli illeciti di natura sia tributaria che non tributaria, nonché dei proventi derivanti dai giochi.

Si contraggono anche i consumi intermedi (nella misura di 521 milioni di euro per la competenza e di 346 milioni di euro per la cassa), su cui incide la riduzione degli stanziamenti relativi agli aggi e ai compensi trattenuti dai concessionari e rivenditori dei giochi per complessivi 701 milioni, in relazione all’andamento delle correlate entrate.

 

Aumentano le poste correttive e compensative per 284 milioni di euro per effetto dell’adeguamento degli stanziamenti per restituzioni e rimborsi di imposta per complessivi 3.500 milioni, dei maggiori trasferimenti alla società RAI – Radiotelevisione italiana Spa per 21 milioni, in relazione ai ruoli riscossi in annualità precedenti, e della riduzione degli stanziamenti relativi alle vincite su giochi, scommesse e lotterie per complessivi 3.236 milioni, in relazione alla riduzione del volume dei giochi e all’andamento delle correlate entrate.

 

Si riducono invece gli stanziamenti della missione « Politiche economico-finanziarie e di bilancio », per 2.016 milioni di euro in termini di competenza e 1.969 milioni di euro in termini di cassa. La riduzione degli stanziamenti relativi agli aggi e alle vincite per giochi, scommesse e lotterie, per complessivi 3.937 milioni, e di quelli relativi agli interessi su conti di Tesoreria, per 1.500 milioni, è parzialmente compensata dall’adeguamento degli stanziamenti per restituzioni e rimborsi di imposta per complessivi 3.500 milioni.

 

 

PressGiochi