14 Luglio 2024 - 18:16

Spagna: il regolatore fa il punto sulle azioni di gioco responsabile

La scorsa settimana sotto la presidenza del Segretario Generale del Consumo e del Gioco, Andrés Barragán Urbiola, si è riunito il Plenum del Consiglio delle Politiche del Gioco. In questa

24 Giugno 2024

Print Friendly, PDF & Email

La scorsa settimana sotto la presidenza del Segretario Generale del Consumo e del Gioco, Andrés Barragán Urbiola, si è riunito il Plenum del Consiglio delle Politiche del Gioco.
In questa riunione, il Direttore Generale dell’Ordinamento del Gioco, Mikel Arana Etxezarreta, ha presentato le principali linee generali per questa legislatura. Allo stesso modo, le Comunità Autonome e le città di Ceuta e Melilla hanno mostrato le principali iniziative adottate nei loro ambiti territoriali in relazione al gioco.
Il Plenum ha approvato l’Accordo del Consiglio delle Politiche del Gioco con il quale si prende atto del rapporto della Direzione Generale dell’Ordinamento del Gioco sullo stato della “Memoria dell’attività del gioco in Spagna” e si adottano impegni relativi alla presentazione dei dati per la loro validazione da parte del Consiglio delle Politiche del Gioco.
Con questo Accordo si mira a una maggiore coordinazione per la stesura della memoria del gioco in Spagna che permetta, come risultato finale di questa collaborazione, la validazione annuale da parte del Consiglio delle Politiche del Gioco di una “Memoria sull’attività del gioco in Spagna” che fornisca l’immagine più fedele possibile sulla situazione del mercato del gioco spagnolo, e diventi così un punto di riferimento per tutte le amministrazioni pubbliche, operatori di gioco e pubblico in generale.
Da parte sua, la Direzione Generale dell’Ordinamento del Gioco ha informato sullo stato delle convenzioni avviate ai sensi dell’Accordo del Consiglio delle Politiche del Gioco che stabilisce i principi per una cooperazione più stretta tra i registri di interdizione all’accesso al gioco statali e autonomici, approvato nella riunione del Plenum del 14 luglio 2021, così come dei risultati del bando di sovvenzioni del 2023 e delle principali novità del bando del 2024, in regime di concorrenza competitiva, per lo sviluppo di attività di ricerca legate alla prevenzione dei disturbi del gioco, agli effetti derivati da tali disturbi o ai rischi associati a questa attività.
PressGiochi

×