31 Ottobre 2020 - 03:27

Videogiochi: il 76% delle entrate in Europa è ora digitale

Il 76% delle entrate del settore è ora digitale, crescono del 3% le entrate dell’UE con il 51% degli europei che gioca. Lo rivela l’aggiornamento annuale dell’ISFE sull’industria europea dei

28 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il 76% delle entrate del settore è ora digitale, crescono del 3% le entrate dell’UE con il 51% degli europei che gioca. Lo rivela l’aggiornamento annuale dell’ISFE sull’industria europea dei videogiochi.

Il fatturato europeo è cresciuto del 3% nel corso dell’anno e ora ammonta a 21,6 miliardi di euro. Dal 2014, i ricavi sono cresciuti del 55% nei principali mercati europei.

I ricavi digitali continuano a crescere, raggiungendo il 76% nel 2019 (74% nel 2018), i ricavi da console rimangono stabili rappresentando il 43% del totale. Il gameplay in streaming e on-demand rappresenta 324 milioni di euro nei principali mercati europei.
Più del 51% degli europei di età compresa tra 6 e 64 anni gioca ai videogiochi e l’età media dei videogiocatori nell’UE è di 31 anni. Il 45% dei videogiocatori dell’UE sono donne.
Nel 2019, il tempo medio settimanale di riproduzione di videogiochi è stato di 8,6 ore, il tempo medio settimanale trascorso sui social media è stato di 14 ore e il tempo medio settimanale di visione di TV / VOD è stato di 25 ore.

 

Il presidente dell’ISFE, Olaf Coenen, ha dichiarato: “Questo sarà un anno che nessuno di noi dimenticherà e il nostro rapporto per il 2020 racconterà senza dubbio una storia insolita. Il 2019 ha visto il nostro settore continuare a svolgere un ruolo considerevole nel successo digitale dell’Europa, in gran parte grazie al suo talento creativo e alla capacità di innovazione, con vendite digitali che rappresentano il 76% delle entrate nei principali mercati europei. I dati del 2019 illustrano anche la diversità del nostro pubblico con donne che rappresentano il 45% dei giocatori di videogiochi europei “.

 

Autoregolamentazione e coregolamentazione paneuropea per la protezione dei minori: +35 paesi in Europa utilizzano il sistema di classificazione e descrittore per età PEGI di ISFE per i videogiochi e quest’anno sono stati lanciati ulteriori programmi nazionali di educazione dei consumatori per aumentare la consapevolezza del PEGI, degli strumenti di controllo parentale e di gioco responsabile.

 

PressGiochi