29 Settembre 2020 - 21:35

Venezia. In Parlamento, la richiesta del Pd di dedicare maggior attenzione nel rilascio delle licenze per il gioco

Occorre verificare le modalità di concessione delle licenze, nonché supportare attività di controllo su tutte le attività legate alla diffusione di sale giochi e slot nell’ambito del territorio dell’area metropolitana

23 Maggio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Occorre verificare le modalità di concessione delle licenze, nonché supportare attività di controllo su tutte le attività legate alla diffusione di sale giochi e slot nell’ambito del territorio dell’area metropolitana di Venezia e per assicurare l’effettivo rispetto delle normative vigenti a tutela dei cittadini, promuovendo iniziative di informazione sui danni derivanti dalle ludopatie.

Lo chiede l’onorevole del Pd Andrea Martella in una interrogazione presentata in questi giorni al ministro dell’interno, al Ministro della salute, al Ministro dell’economia e delle finanze.

“Nelle ultime settimane – ha spiegato Martella – nel comprensorio dell’area metropolitana di Venezia si registrano forti preoccupazioni da parte di cittadini e associazioni circa l’apertura di nuove sale e i rischi connessi al gioco d’azzardo. Da ultimo giunge l’allarme da Terraglio con un bar tabaccheria che si è dotato di sala slot; inoltre nell’aprile 2015 è stato adottato dai commissario straordinario, un regolamento edilizio che «vieta l’apertura di sale pubbliche da gioco e la nuova collocazione e gli apparecchi per il gioco d’azzardo a una distanza inferiore a 500 metri da luoghi “sensibili” tra i quali proprio quelli di aggregazione giovanile.

Anche a Marghera – conclude l’onorevole – si registrano tensioni circa i rischi connessi al proliferare di tali attività”.

PressGiochi

La Prefettura di Venezia detta nuove regole sul gioco: ok a distanze, limiti orari e sanzioni salate

Il Veneto dichiara la sua “indipendenza”, approvata mozione sulla posizione della regione nella conferenza unificata