29 Settembre 2020 - 13:23

Veneto. Approvato in Regione il pdl statale sull’azzardo, Guadagnini (Inv): “Vogliamo una legge nazionale con azioni dure”

Dopo essere passato alla Quinta Commissione, il Consiglio Regionale del Veneto all’unanimità ha approvato ieri, 16 giugno  il Progetto di Legge Statale del quale il primo firmatario è Antonio Guadagnini

17 Giugno 2016

Print Friendly, PDF & Email

Dopo essere passato alla Quinta Commissione, il Consiglio Regionale del Veneto all’unanimità ha approvato ieri, 16 giugno  il Progetto di Legge Statale del quale il primo firmatario è Antonio Guadagnini (Inv) relativo a “Disposizioni per il divieto del gioco d’azzardo e per la prevenzione della diffusione del rischio legato al gioco d’azzardo nonché per la cura e la riabilitazione dei soggetti affetti da ludopatia”.

Dato che è un progetto di legge statale- commenta Antonio Guadagnini a PressGiochi- l’idea è appunto quella di spingerla in Parlamento. Per questo abbiamo fatto una campagna pubblicitaria molto forte per smuovere le coscienze sull’argomento ludopatia. Nelle maggiori città venete abbiamo piazzato grandi cartelloni in cui l’azzardo è equiparato ad una droga di cui lo Stato è il pusher. In  un altro tipo di cartellone invece c’è una bocca biforcuta (ancora una volta lo Stato) che dice: ‘Gioca con moderazione’”.

 

veneto campagna anti gioco

 

“Diverse sono le nostre proposte per combattere l’azzardo- continua il consigliere-  vietare le piattaforme online estere, aumentare l’Irap agli esercizi commerciali che hanno le slot e altro, campagne che vogliono portare il gioco allo stesso livello dell’uso delle sigarette. Prosegue anche il discorso sulle distanze dai luoghi sensibili, ma molte delle azioni sono e devono essere di competenza dei comuni. La nostra idea centrale è proprio spingere per una legge nazionale, per questo abbiamo già l’adesione del Movimento 5 Stelle e della destra. Bisogna vedere cosa farà il Pd, ma su molte proposte non è in disaccordo. Attraverso i nostri deputati veneti vogliamo spingere lo Stato a fare una legge, questo è il  nostro obiettivo principale”.

 

La Regione Veneto e le proposte sul gioco patologico. Guadagnini (Inv). “Contro lo Stato biscazziere lottiamo ad armi impari”

 

PressGiochi