08 Febbraio 2023 - 15:45

USA: le vincite miliardarie alla lotteria sono un “mezzo bluff”, ma la gente gioca sempre di più

Mentre nel piccolo stato dei Maine è caccia aperta al vincitore del jackpot della lotteria Mega Millions da 1,348 miliardi di dollari – seconda vincita più alta negli ultimi 20

17 Gennaio 2023

Print Friendly, PDF & Email

Mentre nel piccolo stato dei Maine è caccia aperta al vincitore del jackpot della lotteria Mega Millions da 1,348 miliardi di dollari – seconda vincita più alta negli ultimi 20 anni negli States – grazie a un biglietto da 2 dollari, in molti si domandano quanto possa essere dannoso per i cittadini americani inseguire vincite così alte. C’è un’organizzazione, in particolare, il cui nome dice già tutto: Stop Predatory Gambling, che da tempo dà battaglia alla smisurata espansione del gambling in USA, ed ora ha colto l’occasione per rilanciare i propri strali nei confronti delle lotterie nazionali.

Il direttore Les Bernal ha inviato a Fox News Digital un messaggio via e-mail per denunciare che: “Attraverso la pubblicità e il marketing delle lotterie, i governi statali hanno trasformato una nazione di persone a basso reddito – che potrebbero essere piccoli risparmiatori – in una nazione di giocatori d’azzardo abituali “.

Bernal ha anche affermato che nei prossimi otto anni il popolo americano “perderà più di 1 trilione di dollari di ricchezza personale a causa del gioco d’azzardo commercializzato, di cui almeno la metà viene tolta dalle lotterie statali”.

Il direttore ha sottolineato che c’è una concentrazione di punti vendita nelle comunità più povere, così come messaggi sui gratta e vinci che “dichiarano ingannevolmente” che giocare è “la tua via più veloce per ottenere un milione di dollari!”

Bernal ha continuato: “Se sei qualcuno che ha appena perso il lavoro, o stai cercando di pagare l’affitto alla fine del mese, o hai bisogno di soldi per pagare una grossa fattura medica, le lotterie statali tentano di posizionarsi come risposta: sfruttare la disperazione finanziaria dei nostri concittadini”.

Molti stati stanno ora vendendo biglietti gratta e vinci da $ 50 – e il Texas vende biglietti gratta e vinci da $ 100 – “ai cittadini che guadagnano un salario minimo di $ 7,25 l’ora”, ha sottolineato.

Ma l’aspetto più deteriore è che le campagne di marketing delle lotterie procedono con grande avidità e senza alcun controllo – sempre secondo Stop Predatory Gambling – configurandosi come una vera e propria truffa, sviando l’attenzione sulla quantità di denaro che destinano all’istruzione, alle borse di studio universitarie o alla protezione dell’ambiente, a seconda dello stato”.

Poco conta, per Bernal e soci, che di quelle fantasmagoriche vincite i fortunati arrivano a intascarne circa 1/3. Intanto, va detto che il valore del jackpot di cui si parla non è mai quello effettivo, ma quello rivalutato a 29 anni, con il versamento al giocatore di una quota fissa annuale. Poi, la vincita viene decurtata del 24%, che viene intascato dall’Internal Revenue Service (IRS), vale a dire l’Agenzia delle Entrate americana. Infine, bisognerà pagare le tasse ordinarie, in quanto le vincite da gioco compongono il reddito imponibile. Le grosse vincite proiettano l’utente nella fascia più alta di reddito, che corrisponde in 37% di tasse. In definitiva, per fare conto paro, se la vincita è di 1,5 miliardi di dollari, il vincitore ne incamera effettivamente $ 585.900.000 (fonte: Intuit Turbotax).

 

Pressgiochi