19 Ottobre 2020 - 23:13

Un testo unico sui giochi? Minenna (ADM): “E’ un tema importante dove l’Agenzia la testa ce la metterà”

Online e in distribuzione il nuovo numero di PressGiochi Magazine

12 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Ieri si è tenuta a Roma, a Piazza Mastai, nella sede dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli la presentazione del Libro Blu 2019. Una cerimonia ufficiale alla quale hanno partecipato alcune delle cariche principali della nostra Istituzione. Erano presenti il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, la Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, il Ministro Roberto Gualtieri, il Ministro Di Maio e ovviamente il direttore dell’Agenzia Marcello Minenna.

Inutile dire che ci ha lasciato un po’ l’amaro in bocca vedere come nelle dichiarazioni ufficiali si sia accennato pochissimo al settore Giochi, uno dei tre cardini dell’ADM. Un piccolo accenno da parte della presidente Casellati che parla del problema della ludopatia tra i giovani, il Ministro Gualtieri ricorda l’istituzione della lotteria degli scontrini e dell’elenco degli operatori, la parola giochi invece non entra per nulla nel discorso del Presidente Conte.

Brevi gli accenni al settore da parte del direttore Minenna che evidenzia il ruolo di ADM nel contrasto all’illegalità, al controllo sui punti di gioco e alla vigilanza sui concessionari.

Dalla relazione del Direttore ci si rende sicuramente conto della complessità e dell’ampiezza delle responsabilità e competenze che l’Agenzia ricopre, come se il gioco fosse solo una piccola parte. Ma guardando alle entrare erariali (11,4 miliardi) che ancora oggi il gioco produce dobbiamo ricrederci. Nonostante le difficoltà riscontrate quotidianamente da ogni comparto della filiera, i numeri del 2019 recano tutti dei segni positivi.

 

A margine dell’evento, tuttavia il direttore ha dedicato ampio spazio alle risposte sulle varie questioni che tengono occupato il settore del gioco, tra cui il difficile coordinamento normativo tra Stato e Enti locali e la possibilità di tornare a lavorare ad un risolutivo ‘testo unico’ sui giochi. “E’ un tema importante dove l’Agenzia la testa ce la metterà” ha risposto Minenna.

 

La necessità di una regolamentazione unica per il settore dei giochi è un tema sempre attuale, soprattutto per gli operatori che ogni giorno devono affrontare mille difficoltà. Ce ne accorgiamo sfogliando il numero di PressGiochi Magazine di settembre-ottobre, da ieri in distribuzione, nel quale si torna a parlare di come spesso sia la giustizia a dover riparare gli errori di un legislatore troppo superficiale.

 

Tanti i punti di vista di professionisti che fanno grande il settore dei giochi in questo numero del Magazine. Dal prof. Federico Tedeschini, al prof. Stefano Sbordoni, dal pres. Geronimo Cardia, all’avv. Generoso Bloise. E ancora, gli avv. Chiara Sambaldi e Andrea Strata, l’avv. Cino Benelli ed altri. A dare opinioni sul mercato anche nuovi volti, come quello di Alberto Alfieri, esperto di iGaming italiano che operando dall’estero guarda sempre con interesse al nostro mercato.

 

Non vi anticipo altro:

Non vi resta che attendere l’arrivo di PressGiochi…

SCARICA IL MAGAZINE ONLINE

Per chi ancora non lo ricevesse, basta scrivere ad amministrazione@pressgiochi.it indicando nome, azienda e indirizzo presso il quale spedire!

 

 

PressGiochi