29 gennaio 2020
ore 01:21
Home hot1 Umbria: nel nuovo regolamento case popolari, nessuna assegnazione a chi è stato condannato per gioco d’azzardo

Umbria: nel nuovo regolamento case popolari, nessuna assegnazione a chi è stato condannato per gioco d’azzardo

La modifica del regolamento per l'assegnazione delle case popolari è la prima promessa elettorale che, il centrodestra al potere della Regione, vuole trasformare in realtà, una piccola rivoluzione culturale e politica dopo lo storico cambio. In prima linea ci sono due forze politiche che stanno al lavoro. Da una parte la Lega e dall'altra Fratelli d'Italia. Tra gli obiettivi e le modifiche alla legge del 2003 troviamo che si stabilisce come prima cosa: nessuna casa popolare...
SHARE
Umbria: nel nuovo regolamento case popolari, nessuna assegnazione a chi è stato condannato per gioco d’azzardo

La modifica del regolamento per l’assegnazione delle case popolari è la prima promessa elettorale che, il centrodestra al potere della Regione, vuole trasformare in realtà, una piccola rivoluzione culturale e politica dopo lo storico cambio. In prima linea ci sono due forze politiche che stanno al lavoro.

Da una parte la Lega e dall’altra Fratelli d’Italia. Tra gli obiettivi e le modifiche alla legge del 2003 troviamo che si stabilisce come prima cosa: nessuna casa popolare può essere assegnata ad un singolo o ad un nucleo familiare che sia stato condannato per reati come spaccio, contro l’ordine pubblico, sfruttamento della prostituzione, gioco d’azzardo o invasione di edifici e proprietà.

Seconda modifica: Fratelli d’Italia vuole fare chiarezza su un argomento che ha subito diverse interpretazioni. Non si possono concedere case popolari in Umbria a coloro che hanno proprietà abitative, a proprio nome, in altri Paesi. Fino ad oggi, molti immigrati, non dichiarano eventuali proprietà nella terra di origine.

Terzo aspetto: si vuole introdurre la carta a punti dell’inquilino che viene direttamente emanata dall’Ater. Il funzionamento è quello simile alla patente a punti: chi commette irregolarità, chi crea disagi agli altri e disturba il vivere comune perde punti e rischia, una volta azzerato il bonus, di perdere per sempre la casa. Un esempio: attualmente chi si attacca al contatore di un’altra famiglia non mette a rischio l’assegnazione dell’alloggio, invece con questa modifica perderebbe molti punti e alle prossime irregolarità si troverebbe fuori per sempre.

 

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN