15 ottobre 2019
ore 18:51
Home Estero UK. I parlamentari denunciano: “Escludere i minori dall’uso delle loot box”

UK. I parlamentari denunciano: “Escludere i minori dall’uso delle loot box”

SHARE
UK. I parlamentari denunciano: “Escludere i minori dall’uso delle loot box”

La spesa in-game dovrebbe essere regolata dalle leggi sul gioco d’azzardo e le cosiddette scatole-bottino dovrebbero essere assolutamente vietate ai bambini, affermano i deputati.

L’industria di settore ha risposto ai parlamentari rassicurando che “riesaminerà queste raccomandazioni con la massima serietà”.

I videogiochi gratuiti spesso incoraggiano i giocatori ad acquistare loot box, che contengono una quantità non specificata di oggetti per migliorare ulteriormente il gioco. Alcuni giochi hanno mercati online associati in cui i giocatori possono scambiare o vendere questi oggetti.

L’indagine della commissione per il digitale, la cultura, i media e lo sport sulle tecnologie del Regno Unito hanno audito giocatori che hanno accumulato debiti di migliaia di sterline spendendo in questi giochi. Jagex, la compagnia dietro il gioco online RuneScape, ha ammesso che i giocatori potrebbero spendere fino a £ 1.000 a settimana e addirittura fino a £ 5.000 al mese.

I parlamentari hanno così denunciato la riluttanza dell’industria ad assumersi la responsabilità di intervenire quando un giocatore spende troppo. I deputati uk hanno evidenziato di aver riscontrato la difficoltà di ottenere risposte complete e chiare dai rappresentanti del settore dei giochi che erano stati ascoltati sul fenomeno, in particolare quando si trattava di rispondere alle domande sui dati raccolti, su come venivano utilizzati e sulla psicologia alla base di come sono stati progettati i giochi.

“Le piattaforme di social media e i produttori di giochi online sono concentrati a catturare sempre più attenzione, tempo e denaro delle persone”, ha affermato Collins. “I loro modelli di business sono basati su questo, ma è tempo che siano più responsabili nel gestire i danni che queste tecnologie possono causare ad alcuni utenti”.

In risposta, il dott. Jo Twist, amministratore delegato di UK Interactive Entertainment, ha dichiarato: “L’industria dei videogiochi ha sempre posto il benessere dei giocatori al centro di ciò che facciamo. L’industria non contesta che, per una minoranza, trovare un equilibrio sia un problema. Questo è il motivo per cui siamo sinceri nel sostenere gli sforzi per aumentare l’alfabetizzazione digitale e lavorare con le scuole e mondo sociale nei programmi di istruzione”.

Ma Collins ha affermato che l’industria dei giochi dovrebbe contribuire finanziariamente alla ricerca indipendente sugli effetti a lungo termine che i giochi producono. “Il disturbo da gamin è stato riconosciuto dall’Organizzazione mondiale della sanità”, ha affermato. “È tempo che le società di giochi utilizzino le enormi quantità di dati che raccolgono sui loro giocatori per fare di più per identificare in modo proattivo i giocatori vulnerabili”.

I deputati hanno anche chiesto alle piattaforme dei social media e ai produttori di giochi di creare efficaci strumenti di verifica dell’età. Le scatole di bottino non dovrebbero essere vendute ai bambini e dovrebbero invece essere guadagnate come ricompense per il gioco, hanno detto i parlamentari. “I bottini sono particolarmente redditizi per le società di giochi, ma hanno un costo elevato, in particolare per i giocatori problematici, mentre espongono i bambini a potenziali danni”, ha proseguito Collins. “L’acquisto di un bottino è un gioco d’azzardo e per questo è giusto normarle in base alle leggi vigenti sul gambling. Sfidiamo il governo a spiegare perché le loot box dovrebbero essere esentati dal Gambling Act.”

 

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN