21 Ottobre 2020 - 23:56

UK, Gambling Commission interviene sulle regole dei programmi “VIP”

La Gambling Commission ha annunciato nuove e rigorose linee guida per gli operatori al fine di ripulire il malcostume dei cosiddetti schemi VIP, affermando che se la guida viene seguita

30 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Gambling Commission ha annunciato nuove e rigorose linee guida per gli operatori al fine di ripulire il malcostume dei cosiddetti schemi VIP, affermando che se la guida viene seguita non dovrebbe esserci in futuro un’incentivazione dei clienti di alto valore.

Nell’ambito del lavoro della Commissione per rafforzare la protezione dei consumatori, il regolatore ha reso prioritario affrontare questi sistemi dopo aver assistito a ripetuti casi di incapacità di proteggere i clienti di alto valore.

La Commissione ha identificato i programmi VIP come un’area di cambiamento e ha sfidato l’industria a ripulire la sua azione all’inizio di quest’anno, spingendola a lavorare insieme per affrontare la questione attraverso un codice di condotta industriale.

A seguito di un’ampia consultazione, tutti gli operatori dovranno ora seguire nuove linee guida su questi schemi, che vedono i consumatori “di alto valore” forniti di bonus personalizzati, regali, ospitalità e servizio preferenziale da un operatore progettato per mantenere o aumentare la loro abitudine.

Prima che qualsiasi operatore renda un cliente un VIP, dal 31 ottobre deve:

Stabilire che la spesa è conveniente e sostenibile come parte della spesa per il tempo libero del cliente
Valutare se ci sono prove di danni legati al gioco d’azzardo o di un rischio maggiore legato alla vulnerabilità
Garantire che il licenziatario disponga di prove aggiornate relative all’identità, all’occupazione e alla fonte dei fondi
Continuare a verificare le informazioni fornite loro e condurre controlli continui sui danni causati dal gioco d’azzardo su ogni individuo per individuare eventuali segni di danno.

La nuova guida significa anche che gli operatori nomineranno un dirigente senior in possesso di una licenza di gestione personale per supervisionare il rispettivo schema, rendendo gli individui personalmente responsabili.

Neil McArthur, amministratore delegato della Gambling Commission, ha dichiarato: “Abbiamo introdotto queste nuove regole per eliminare le pratiche scorrette nella gestione dei clienti” VIP “e per rendere il gioco più sicuro. Il nostro lavoro di applicazione ha identificato troppi casi di cattiva condotta nella gestione dei programmi VIP e questa è l’ultima possibilità per gli operatori di dimostrare che possono gestire tali programmi in modo appropriato. Comprendiamo che il numero di clienti iscritti a schemi” VIP “si è già ridotto del 70% da quando abbiamo sfidato il settore a mettere ordine in casa, l’anno scorso. Sebbene questo sia un segno dell’impatto positivo che il nostro approccio innovativo al lavoro collaborativo può avere, queste nuove regole sono progettate per garantire che si continui a compiere progressi per proteggere i clienti vulnerabili. Gli operatori non possono avere dubbi sulle nostre aspettative. Se non verranno apportati miglioramenti significativi, non avremo altra scelta che intraprendere ulteriori azioni e vietare tali programmi. Queste nuove regole fanno parte del programma completo della Commissione per una più rigorosa attività di applicazione e conformità che ha anche visto l’introduzione di protezioni rafforzate sull’età online e sulla verifica dell’identità, migliori pratiche di interazione con i clienti e il divieto del gioco d’azzardo con carte di credito “.

Nelle prossime settimane, la Commissione lancerà una consultazione sull’interazione con i clienti che includerà la valutazione dell’accessibilità economica, l’identificazione della vulnerabilità e le modalità per intraprendere un’azione preventiva e reattiva precoce quando sono disponibili indicatori di rischio. Risponderà inoltre a breve a una consultazione sulla progettazione di giochi online più sicuri.

 

 

PressGiochi