19 Settembre 2020 - 14:23

Uk. Cresce il mercato del gaming britannico: le scommesse la fanno da padrona

Con l’avvicinarsi di fine giugno si conclude il primo semestre dell’anno e per molte istituzioni è tempo di bilanci. La Gambling Commission come altre autorità del gaming ha pubblicato quest’oggi

26 Giugno 2015

Print Friendly, PDF & Email

Con l’avvicinarsi di fine giugno si conclude il primo semestre dell’anno e per molte istituzioni è tempo di bilanci. La Gambling Commission come altre autorità del gaming ha pubblicato quest’oggi le statistiche del settore del gioco UK per il periodo che va da ottobre 2013 a settembre 2014.

Secondo questi dati, l’industria del gioco d’azzardo britannica, come disciplinata dalla Commissione, ha generato un rendimento lordo di gioco (GGY) di oltre 7.1mld di £, un aumento di 327mln di sterline (5%) rispetto al periodo che va da aprile 2013 al marzo 2014. Il mercato delle scommesse terrestri rappresenta il più grande mercato con una quota del 47% di GGY.
Le vendite della Lotteria Nazionale erano quasi di £ 6,9 miliardi, con un aumento di oltre £ 150 mln (2%) nel periodo aprile 2013 – marzo 2014.
In crescita, rispetto all’anno precedente, anche il settore delle scommesse a distanza, del bingo e dei casinò games (fino £ 213m o +19%), il settore dei casinò terrestri cresce fino £ 43mln (+4%) mentre il settore delle grandi società di lotterie si sviluppa fino a £ 29mlm o +10%. Il settore delle scommesse non remote registra una crescita di 57mln di £, con un incremento del 2% rispetto all’anno precedente.
Il rendimento lordo di gioco per le macchine B2 nei negozi di scommesse è più di £ 1,6 miliardi, con un incremento di poco meno di £ 45m (3%) rispetto al dato del precedente esercizio, a fronte di un aumento del numero di macchine categoria B2.

Nel periodo analizzato, 95.227 persone sono state impiegate nell’industria del gaming, con un calo di 2.426 unità (2%) rispetto al precedente periodo di riferimento, anche se il settore a distanza ha registrato un incremento del numero di dipendenti pari all’8%.

PressGiochi