14 ottobre 2019
ore 10:43
Home Estero Uk. Bookmaker ‘irresponsabili’, troppa pubblicità sui social e Tv e poca sul gioco responsabile

Uk. Bookmaker ‘irresponsabili’, troppa pubblicità sui social e Tv e poca sul gioco responsabile

Le società di gioco sono state etichettate come "irresponsabili" dopo che un importante studio ha rivelato che non stanno facendo abbastanza per impedire ai bambini di vedere le loro pubblicità online, in particolare su Twitter. La ricerca, guidata da Ipsos Mori, ha rilevato che circa 41.000 bambini sotto i 16 anni seguono account relativi al gioco d'azzardo, e rispondono o ritwittano tali contenuti 13.000 volte. Ipsos Mori ha inoltre dimostrato che le imprese di scommesse hanno aumentato la loro spesa per spot pubblicitari a pagamento del 24% tra il 2015 e il 2018 per 329 milioni di sterline l'anno. Anche se i minori non venivano coinvolti direttamente, il rapporto ha spiegato che alcuni degli annunci includevano caratteristiche che avrebbero potuto attrarli, mentre si faceva poco per escluderli dagli annunci di giochi a distanza...
SHARE
Uk. Bookmaker ‘irresponsabili’, troppa pubblicità sui social e Tv e poca sul gioco responsabile

Le società di gioco sono state etichettate come “irresponsabili” dopo che un importante studio ha rivelato che non stanno facendo abbastanza per impedire ai minori di vedere le loro pubblicità online, in particolare su Twitter.
La ricerca, guidata da Ipsos Mori, ha rilevato che circa 41.000 bambini sotto i 16 anni seguono account relativi al gioco d’azzardo, e rispondono o ritwittano tali contenuti 13.000 volte.

Ipsos Mori ha inoltre dimostrato che i bookmaker hanno aumentato gli investimenti in spot pubblicitari a pagamento del 24% tra il 2015 e il 2018 per 329 milioni di sterline l’anno.
Anche se i minori non venivano coinvolti direttamente, il rapporto ha spiegato che alcuni degli annunci includevano caratteristiche che avrebbero potuto attrarli, mentre si faceva poco per escluderli dagli annunci di giochi a distanza.

 

 

Durante lo studio, i ricercatori hanno intervistato i giovani e i giocatori problematici sulla loro esposizione alle pubblicità. L’analisi degli sport in diretta sulla televisione ha rivelato che le pubblicità delle società di giochi d’azzardo sono particolarmente importanti durante le partite di calcio. Durante una partita tra squadre scozzesi Rangers e Celtic, ci sono state 920 occasioni in cui erano visibili marchi di gioco d’azzardo, uno ogni 10 secondi.

 

 

Lo studio arriva diversi mesi dopo che sono emerse cifre che suggeriscono un aumento del numero del gioco d’azzardo problematico tra i minori, con un numero di giocatori a rischio fino a 50.000 soggetti, dati che stanno innescando uno “scandalo generazionale”.
Alcuni dei principali bookmaker e società di casinò online del Regno Unito hanno promesso di investire di più nel trattamento delle dipendenze e di limitare la pubblicità in TV.

 

Ma la ricerca ha evidenziato la prevalenza di annunci di giochi a distanza su Internet, in particolare siti di social media come Twitter.

Come avevamo detto alcuni mesi fa, i ricercatori hanno anche creato 11 “avatar”, falsi profili utente di Internet con identità come “problem gambler” o “child under 13”, in base alla cronologia di navigazione. L’avatar di un “minore di 13 anni” ha visto più annunci di gioco online al mese rispetto agli adulti con problemi di gioco.

 

Il rapporto dice che non ci sono “prove” che gli inserzionisti abbiano preso provvedimenti significativi per escludere i bambini e i dipendenti dal gioco, ad esempio analizzando la loro cronologia di navigazione. I ricercatori hanno anche detto che ci sono “poche prove” di messaggi di gioco responsabile promossi online, in particolare su Twitter. Di 888.745 tweets analizzati in nove mesi nel 2018, solo il 7% conteneva un messaggio di gioco responsabile.

 

Gli annunci in TV e online contenevano anche caratteristiche che potevano attrarre bambini come personaggi famosi o personaggi simili a cartoni animati, in particolare nelle pubblicità per gli eSport.
“I contenuti che possono interessare i bambini e i giovani sono stati trovati nell’11% delle pubblicità del gioco d’azzardo dei media mainstream e nel 59% dei contenuti di gioco eSports su Twitter”, afferma il rapporto.

 

 

Tom Watson, il viceministro del Labour, ha dichiarato: “Non c’è da meravigliarsi se ci sono così tanti bambini che giocano d’azzardo quando compagnie di gioco irresponsabili pubblicano annunci che attirano i bambini. “L’esplosione della pubblicità sui giochi d’azzardo negli ultimi anni sta alimentando il problema del gioco d’azzardo. Se vogliamo far fronte alla dipendenza, dobbiamo iniziare dalla pubblicità”.

Il rapporto intermedio è parte di uno studio più lungo commissionato da un importante ente di beneficenza per il gioco d’azzardo nel Regno Unito, GambleAware. Il report finale traccerà l’impatto che gli annunci sui giochi a distanza hanno sui minori.

 

 

Marc Etches, CEO di GambleAware ha dichiarato: “Si tratta di una relazione provvisoria e, in quanto tale, è troppo presto per valutare l’impatto dell’esposizione alla pubblicità e al marketing del gioco d’azzardo sui minori, giovani e adulti vulnerabili. Tuttavia, la ricerca fa raccomandazioni importanti, tra cui la necessità di messaggi più chiari e regolari sugli annunci di gambling dei rischi associati al gioco d’azzardo e la necessità di rafforzare i processi di verifica dell’età sulle piattaforme di social media”.

 

Ad intervenire sui risultati dello studio anche Ian Angus della Gambling Commission che ha affermato: “Accogliamo con favore la pubblicazione di questo rapporto intermedio che contribuisce alla consegna della strategia nazionale recentemente lanciata per ridurre i danni da gioco. Questa ricerca compie un passo significativo per colmare le lacune nella comprensione di questo problema e fornisce un quadro più chiaro del volume, del tono e del contenuto della pubblicità e della sponsorizzazione del gioco d’azzardo in Gran Bretagna, e della misura in cui i bambini, i giovani e gli adulti vulnerabili sono esposti a esso.

Attendiamo con interesse i risultati della seconda fase. Nel frattempo, siamo lieti di vedere che il rapporto identifica le aree di azione chiare che le aziende di scommesse possono adottare e quindi ci aspettiamo che raddoppino gli sforzi per rispondere alle preoccupazioni del pubblico sul volume e sulla natura della pubblicità sul gioco d’azzardo e della sponsorizzazione sportiva”.

 

Steven Ginnis, Research Director di Ipsos MORI ha aggiunto: “La ricerca identifica i molteplici punti di contatto attraverso cui i bambini, i giovani e gli adulti vulnerabili entrano in contatto con il gioco d’azzardo il marketing e la pubblicità. I partecipanti alla ricerca hanno anche parlato di una vasta gamma di temi e caratteristiche che trovano interessanti nella pubblicità del gioco d’azzardo; queste caratteristiche sono più comuni rispetto all’uso di immagini o frasi a misura di minore, ad esempio l’uso di celebrità o l’uso di offerte finanziarie. Ciò richiede una discussione più approfondita sul modo migliore per mitigare i rischi di esposizione tra questi gruppi”.

 

 

 

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN