29 Novembre 2022 - 11:45

Ucraina. L’autorità del gioco mira ad isolare la Russia dal mercato del gambling internazionale

Il direttore ad interim della Commissione ucraina per la regolamentazione del gioco d’azzardo e delle lotterie (KRAIL) Olena Vodolashko ha affermato che “isolare la Russia nella sfera del gioco d’azzardo”

04 Ottobre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Il direttore ad interim della Commissione ucraina per la regolamentazione del gioco d’azzardo e delle lotterie (KRAIL) Olena Vodolashko ha affermato che “isolare la Russia nella sfera del gioco d’azzardo” è la priorità chiave per la sua commissione.

In un’intervista con l’agenzia di stampa Ukrinform, Vodolashko ha raccontato il lavoro del KRAIL nella supervisione dell’industria del gioco d’azzardo recentemente regolamentata proprio durante la guerra in corso con la Russia. Ha detto che il KRAIL ha fatto appello alla comunità internazionale di gioco per interrompere i rapporti commerciali con la Russia e applicare sanzioni contro le entità russe.

Ha anche descritto l’attenzione alla lotta al riciclaggio di denaro russo.

L’Ucraina ha nuovamente legalizzato il gioco d’azzardo con una nuova legislazione approvata nel 2020. La legge includeva già regole che impedivano alle imprese controllate dalla Russia di entrare nel mercato come sanzione relativa all’occupazione russa della Crimea. Vodolashko ha dichiarato: “Dal 24 febbraio, la nostra priorità è diventata l’isolamento della Russia nella sfera del gioco d’azzardo. La commissione ha invitato la comunità internazionale del gioco d’azzardo ad aderire alle sanzioni e limitare la partecipazione dei residenti della Federazione Russa al gioco con l’introduzione di modifiche appropriate alle regole degli organizzatori del gioco d’azzardo”. Vodolashko ha anche affermato che il regolatore ha fatto appello alla comunità europea: “La Commissione ha fatto appello al Forum europeo dei regolatori delle imprese di gioco d’azzardo (GREF) per sostenere l’Ucraina e diffondere informazioni pertinenti sull’aggressione militare russa. Anche l’Associazione delle lotterie europee (EL) ha sostenuto il nostro Paese e ha sospeso l’adesione degli operatori della lotteria di Russia e Bielorussia. Abbiamo anche fatto appello ai rappresentanti delle società straniere fornitrici di software in merito alla cessazione della partnership e dei rapporti commerciali con la Federazione Russa”.

Ad agosto, il presidente del KRAIL Anton Kuchukhidze ha dichiarato che l’autorità di regolamentazione aveva ripreso i suoi lavori sebbene le sue risorse fossero state colpite come quelle di tutte le aree di governo. Ha notato che il gioco d’azzardo terrestre era ripreso nell’ovest dell’Ucraina, ma il giro d’affari è profondamente colpito dalla guerra. Nel frattempo, il mercato del gioco d’azzardo è rimasto gravemente interrotto nelle città orientali occupate come Kherson e Mykolaiv.

Kuchukhidze ha dichiarato: “Nella parte occidentale dell’Ucraina, ovviamente, la situazione è migliore. Sia i casinò che le sale slot machine funzionano lì, ma, ovviamente, il flusso turistico di persone è diminuito. Riconosciamo che a causa della guerra non molti turisti sono pronti a farci visita. Pertanto, il numero di visitatori delle sale da gioco è diminuito in modo significativo”.

PressGiochi