01 Ottobre 2020 - 06:42

Toscana: proseguono gli interventi regionali contro le dipendenze come il gioco d’azzardo patologico

Prosegue la collaborazione tra Regione Toscana, Asl toscane e Ceart (Coordinamento degli enti ausiliari della Regione Toscana) per la prevenzione e il recupero di persone con problemi di dipendenza, compresa

09 Dicembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

Prosegue la collaborazione tra Regione Toscana, Asl toscane e Ceart (Coordinamento degli enti ausiliari della Regione Toscana) per la prevenzione e il recupero di persone con problemi di dipendenza, compresa quella dal gioco di azzardo.

 

Per sviluppare le risposte assistenziali la Regione ha stanziato 2 milioni per il 2016, da ripartire alle tre Asl, e la stessa cifra l’ha prenotata per il 2016 e il 2017. Inoltre, per dare continuità al progetto “Un colore per amico: numero verde regionale sulle tossicodipendenze” di cui è confermata l’efficacia ai fini dell’informazione e della sensibilizzazione della popolazione, destina 80.000 all’anno per tre anni al Ceart, interlocutore unico per Regione, Asl e enti territoriali per i problemi di prevenzione, cura e reinserimento sociale e lavorativo delle persone con problemi di dipendenze.

 

Tali misure, decise dalla Giunta regionale, su iniziativa dell’assessore a sociale, diritto alla salute e sport Stefania Saccardi, sono il fulcro del rinnovo l’accordo triennale che sarà formalizzato a breve con Asl e Ceart. “Un impegno consistente per un fenomeno come quello delle dipendenze che sta coinvolgendo sempre di più le categorie fragili dei minori e giovani adulti e delle persone in situazioni fortemente svantaggiate e di marginalità sociale – afferma l’assessore Saccardi.

 

PressGiochi