23 Gennaio 2021 - 02:14

Termina il periodo di antitrust per Caesars per l’acquisizione di William Hill

Il periodo antitrust per l’acquisizione da parte di Caesars Entertainment del bookmaker William Hill è stato cancellato.

29 Dicembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il periodo antitrust per l’acquisizione da parte di Caesars Entertainment del bookmaker William Hill è stato cancellato. In una dichiarazione, l’operatore di casinò con sede in Nevada ha commentato: “Caesars continua a progredire attraverso l’ottenimento di tutte le approvazioni normative necessarie richieste per chiudere la transazione e mira ancora a completare la combinazione proposta nel marzo 2021”.

Il periodo di attesa antitrust è uno spazio di tempo in cui fusioni e acquisizioni vengono esaminate per potenziali conflitti anticoncorrenziali ed è un requisito dei termini della legge Hart-Scott-Rodino Antitrust del 1976. Inoltre, la Mississippi Gaming Commission ha approvato la combinazione proposta il 19 novembre, seguita dalla Lotteria del West Virginia il 16 dicembre. Tuttavia, la transazione richiede ancora l’approvazione dell’Alta Corte inglese, nonché le approvazioni amministrative e successive alla chiusura di altre agenzie statunitensi.

Una serie di commissioni di gioco statali americane devono ancora approvare la combinazione, tra cui l’Indiana Gaming Commission, Nevada Gaming Control Board, Nevada Gaming Commission, New Jersey Division of Gaming Enforcement and Casino Control Commission e il Pennsylvania Gaming Control Board. Poco più di un mese fa gli azionisti di William Hill hanno votato per approvare l’acquisizione di Caesars, descritta come una “acquisizione storica”. Oltre l’86% dei voti espressi alle riunioni di William Hill erano a favore della transazione di 2,9 miliardi di sterline.

 

 

 

PressGiochi