20 Settembre 2020 - 19:09

Tar Lazio. Respinto ricorso Codacons contro sala slot romana

Per il Collegio del Tar Lazio la richiesta di annullare le licenze e autorizzazioni alla Sala Giochi Babylon Slot di Roma “non appare assistita da fumus bomis iuris, in quanto

04 Giugno 2015

Print Friendly, PDF & Email

Per il Collegio del Tar Lazio la richiesta di annullare le licenze e autorizzazioni alla Sala Giochi Babylon Slot di Roma “non appare assistita da fumus bomis iuris, in quanto basata su affermazioni generiche prive di riscontro concreto, ed anzi efficacemente confutate alla luce delle controdeduzioni articolate dalle controparti quanto ai profili di ritenuta illegittimità dei provvedimenti impugnati.

Con queste parole il Tribunale amministrativo del Lazio ha rigettato l’istanza cautelare avanzata dal Codacons contro la sala slot romana. Per il Tar “le censure proposte sono affidate ad asserzioni di carattere sociologico più che giuridico, volte a contrastare il gioco in sé piuttosto che a censurare in maniera specifica provvedimenti ritenuti illegittimi”.

Il Collegio quindi non ha ravvisato “l’opportunità di disporre l’acquisizione dell’ulteriore documentazione richiesta, stante la rilevata assenza di fumus boni iuris della proposta azione impugnatoria e tenuto conto che parte della documentazione oggetto dell’istanza istruttoria è stata già depositata al fascicolo di causa a cura delle altre parti del giudizio, dovendo parimenti disattendersi la richiesta di disporre un’ispezione dei locali ai sensi dell’art. 118 c.p.c.”.

PressGiochi