24 Ottobre 2020 - 03:08

Svezia. Svenska Spel non ha registrato nessun aumento del gioco d’azzardo problematico durante il COVID-19

Gli studi presentati al Consiglio di ricerca indipendente di Svenska Spel, durante la sua giornata di ricerca annuale, lunedì 12 ottobre, hanno mostrato tutti risultati simili.

14 Ottobre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Gli studi presentati al Consiglio di ricerca indipendente di Svenska Spel, durante la sua giornata di ricerca annuale, lunedì 12 ottobre, hanno mostrato tutti risultati simili. Il consenso era che la spesa complessiva per il gioco d’azzardo tra i consumatori svedesi è diminuita durante i primi mesi della pandemia, ma il problema del gioco d’azzardo è rimasto invariato. Filip Lindner, ricercatore presso il Karolinska Institutet, ha affermato che il calo della spesa per il gioco d’azzardo non è sorprendente, dato il calo delle scommesse sportive dovuto alla cancellazione e al rinvio di molti eventi sportivi. Ha anche notato un netto spostamento tra i giocatori online dalle scommesse sportive ai casinò. Anders Håkansson, professore all’Università di Lund, concorda con Lindner sul fatto che c’era un calo dell’attività complessiva, ma ha notato che i giocatori che avevano sofferto di problemi con il gioco d’azzardo e che in passato tendevano a spendere più degli altri consumatori. Tuttavia, Håkansson e Anna Söderpalm Gordh, docente senior presso l’Università di Gothenburg, che lavorano entrambi presso centri per le dipendenze in Svezia, hanno affermato di non aver visto alcun aumento dei casi problematici nelle rispettive cliniche. Sara Lindholm, presidente del consiglio di ricerca indipendente di Svenska Spel, ha dichiarato: “Questi sono due studi piuttosto piccoli e limitati da cui non si possono trarre conclusioni importanti, ma indicano che il gioco d’azzardo non è aumentato”.

I risultati sembrano riflettere i risultati finanziari pubblicati da Svenska Spel a luglio, con l’operatore che ha registrato un calo del 9,6% su base annua dei ricavi per il primo semestre, attribuendolo all’impatto del COVID-19 sulla sua attività. I ricavi complessivi per i sei mesi fino al 30 giugno hanno raggiunto 3,70 miliardi di corone svedesi (357,3 milioni di euro), poiché l’aumento dell’attività della lotteria Tur di Svenska Spel è stato compensato dal calo dei Divisioni Casino Cosmpol e Vegas. Nel frattempo, al consiglio è stata presentata anche una ricerca separata sull’attività criminale legata al gioco d’azzardo problematico. Coprendo le sentenze svedesi durante il periodo 2014-2018, Per Binde, professore associato presso l’Università di Göteborg, ha esaminato una serie di fattori, come sesso, gruppi di età, tipo di crimine, dove vivevano e come il gioco era collegato al crimine. Binde ha identificato una differenza tra i sessi, in quanto le donne che hanno commesso tali crimini vivevano più spesso in città più piccole e non avevano precedenti penali, mentre gli uomini tendevano a vivere in città più grandi e avevano precedenti penali. “La disperazione delle persone che li spinge al crimine per poter finanziare la loro dipendenza dal gioco è estremamente tragica” ha detto Lindholm.