20 Settembre 2020 - 06:11

Stabilità: la proposta Astro sul pagamento dei 200 milioni

A seguito di numerose richieste di iscritti – fa sapere l’associazione Astro – volte a conoscere i dettagli numerici della proposta AS.TRO, si allega la tabella comparativa, esplicativa dei criteri

24 Aprile 2015

Print Friendly, PDF & Email

A seguito di numerose richieste di iscritti – fa sapere l’associazione Astro – volte a conoscere i dettagli numerici della proposta AS.TRO, si allega la tabella comparativa, esplicativa dei criteri di riparto L.D.S. che sono stati proposti al sottosegretario Baretta il 21 aprile scorso alle ore 18.00.

Per facilitare la lettura, si anticipa che i criteri di riparto sono due, uno oggettivo di base (basato sulla redditività) al di sotto del quale non poter accedere (Concessionari + sale VLT = 30.4% della legge di stabilità; Gestori + punti vendita AWP = 69,6%), e uno soggettivo.

Il secondo altro non è, se non il calcolo di quanto può impattare il ricavo dei concessionari sulla redditività del prodotto awp (il 6,1%), e costituisce un delta aggiuntivo per correggere al ribasso la percentuale della filiera AWP e correggere al rialzo l’aliquota individuata in capo alla filiera VLT.

Per scaricare il documento clicca qui.

E’ necessario pianificare un sistema di adeguamento dei ricavi delle due filiere (Awp – Vlt) che rispecchi le rispettive performance. Per Astro, la ri-negoziazione dei contratti non può ignorare i differenti ricavi delle tipologie di prodotto. Occorre tener conto dell’attitudine reddituale degli apparecchi e individuare la rispettiva equa decurtazione di ricavi; i criteri attualmente utilizzati dai concessionari sono inapplicabili perché l’applicazione della decurtazione di ricavi alla AWP in ragione di 1207 euro comporta l’estinzione del parco congegni. Allo stesso modo l’applicazione della decurtazione di ricavi per “imputazione oggettiva” su base specifica della capacità di reddito comporta – comunque – l’estinzione dell’85% del parco AWP (quello che non performa il “doppio” del COIN IN MEDIO).

Secondo il criterio della redditività media degli apparecchi, considerando che sul mercato ci sono 50.985 vlt e ca. 363mila awp, con ricavi lordi annui pari approssimativamente a 21 mld e 24 mld di euro, ogni apparecchio introita al netto delle vincite e del Preu circa 27mila euro per ciascuna Vlt e soli 8.800 euro per ogni awp all’anno. La proposta prevede il pagamento di 2.977 euro per ogni Vlt nell’intero 2015 e di 959 euro per le Awp (383 euro ad apparecchio entro il 30 aprile).

Per Astro, l’impatto della Stabilità può diventare sostenibile solo se le future tappe di riscossione della legge possano prevedere un aumento dei ricavi per la filiera AWP. L’individuazione “soggettiva” di una aliquota sostenibile di minor ricavo non può esaurirsi solo alla prima scadenza dei 200 milioni. Per il futuro occorre pianificare un sistema di adeguamento dei ricavi delle due filiere (AWP – VLT) che rispecchi le rispettive performance. Uno studio analitico per ipotizzare una “trasportabilità” delle percentuali ipotizzate anche sulle future tappe della L.D.S. sarà presentato a breve.

PressGiochi