27 Gennaio 2021 - 23:14

Spagna. Un sondaggio registra circa 670mila cittadini con problemi di gioco d’azzardo

Uno studio del Ministero della Salute spagnolo afferma che circa 670.000 cittadini di età compresa tra i 15 e i 64 anni hanno o sono a rischio di sviluppare problemi di gioco, sebbene la prevalenza del gioco disordinato sia diminuita.

15 Dicembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Uno studio del Ministero della Salute spagnolo afferma che circa 670.000 cittadini di età compresa tra i 15 e i 64 anni hanno o sono a rischio di sviluppare problemi di gioco, sebbene la prevalenza del gioco disordinato sia diminuita. I risultati dell’indagine sull’alcol e altre droghe in Spagna per il 2019-20 rivelano che il 6,7% della popolazione di età compresa tra 15 e 64 anni ha giocato d’azzardo online nel 2019, rispetto al 3,5% dello studio precedente, condotto tra il 2017 e il 2018. I giocatori medi tendevano ad essere maschi, di età compresa tra 38 anni e scommettere sugli sport.

Il gioco d’azzardo di persona era molto più diffuso, con il 63,6% della popolazione sotto i 64 anni che giocava in questo modo nel 2019, rispetto al 59,5% dell’indagine 2017-18. Questi giocatori, osserva il sondaggio, sono maschi e più anziani. La forma più comune di gioco d’azzardo erano le lotterie, giocate dal 94,4% dei giocatori d’azzardo di persona, seguite da giochi a vincita istantanea come i gratta e vinci sul 24,9% e sui pool di calcio sul 14,6%. Sulla base del sistema di punteggio del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, Quinta Edizione (DSM-V), il sondaggio ha stimato che circa 670.000 giocatori avevano un problema, o rischiavano di svilupparne uno, di giocare d’azzardo. Ciò suggerisce un calo della prevalenza del gioco disordinato dal 2017-18, quando l’indagine ha registrato un tasso di prevalenza del 2,6%. Il tasso 2019-20 è sceso al 2,2%.

Per la prima volta, l’indagine ha esaminato il consumo di droghe, alcol e gioco d’azzardo tra le persone di età pari o superiore a 64 anni, rivelando che il 68,3% giocava di persona. Mentre il tasso di gioco d’azzardo di persona è più alto tra le persone anziane rispetto alla popolazione più ampia, la partecipazione online è significativamente inferiore, al 2,4%.

I giocatori d’azzardo a rischio o problematici, nel frattempo, costituivano l’1,3% dei giocatori di età pari o superiore a 64 anni.

L’indagine sull’alcol e altre droghe in Spagna è stata preparata utilizzando le risposte di 17.899 residenti spagnoli, con sondaggi effettuati tra febbraio e marzo di quest’anno. Sono state inoltre intervistate altre 1.443 persone di età pari o superiore a 64 anni. Ha anche registrato per la prima volta dati sull’uso compulsivo di Internet, che hanno rivelato che circa il 3,7% della popolazione di età compresa tra i 15 ei 64 anni utilizzava Internet in modo simile alla dipendenza. I risultati sono stati pubblicati mentre la Spagna applica una serie di nuove restrizioni ai licenziatari di igaming del paese, tra i timori che i tassi di gioco problematico siano in aumento. Ciò vedrà la sponsorizzazione del gioco d’azzardo delle squadre sportive bandita dalla fine dell’attuale stagione calcistica e gli annunci saranno limitati alla trasmissione tra l’una e le cinque del mattino.

 

 

 

PressGiochi