08 Dicembre 2022 - 00:01

Spagna: il Senato approva le riforme al gioco d’azzardo

La legislazione introduce nuove regole per gli annunci di gioco d’azzardo e i casinò online e un database centrale sui giochi illeciti.

02 Novembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Il Senato spagnolo ha approvato nuove riforme al gioco d’azzardo. Gli emendamenti alla legge sul gioco d’azzardo del 2011 del paese sono stati approvati con 146 voti a favore contro 113 astensioni.

Uno dei risultati più significativi della normativa sarà la creazione di un Global Betting Market Research Service (SIGMA). Gestito dall’autorità di regolamentazione del gioco d’azzardo spagnola, il DGOJ, il database controllato centralmente verrà utilizzato per registrare “persone coinvolte in attività di gioco illecite o scommesse e frodi legate al gioco”.

Le informazioni di SIGMA saranno fornite alla polizia, agli operatori di gioco autorizzati, alle federazioni sportive, alle leghe professionistiche, alle autorità regionali e a “tutti gli enti interessati a sradicare la frode e la manipolazione dello sport”.

La legislazione include anche nuove regole pubblicitarie proposte dal Ministero dei consumatori per basarsi sul regio decreto sulla pubblicità dello scorso anno. Il decreto del 2021 vietava le sponsorizzazioni di giochi d’azzardo nello sport e vietava la pubblicità televisiva e radiofonica fuori da una finestra tra l’01:00 e le 5:00. Ora gli operatori dovranno rispettare nuove regole per garantire che gli annunci siano “socialmente responsabili”. Questo è definito come non includere contenuti inappropriati, antisociali o discriminatori e non suggerire che il gioco d’azzardo può migliorare il benessere o lo stile di vita.

Nel frattempo, gli operatori di gioco online devono fornire ai clienti informazioni sul gioco d’azzardo più sicure quando accedono a un sito Web o a un’app. Ciò deve includere dettagli sull’autoesclusione, linee di assistenza per il gioco d’azzardo e strumenti di controllo del gioco d’azzardo.

L’associazione commerciale del gioco d’azzardo online Jdigital ha esortato il governo a rivedere il divieto di pubblicità del gioco d’azzardo in Spagna per renderlo più equo e proporzionato. La sua richiesta arriva dopo che la Corte Suprema ha stabilito che le restrizioni pubblicitarie dovrebbero essere soggette a revisione costituzionale.

Per quanto riguarda l’autoesclusione, il Ministero dei consumatori avrà il mandato di creare un registro nazionale per l’autoesclusione per operare in tutte le 17 comunità autonome della Spagna. Le enclavi di Ceuta e Melilla utilizzeranno il registro come requisito per i licenziatari del gioco d’azzardo online.

Nel frattempo, al gioco d’azzardo verrà applicata la legge generale spagnola sulla protezione dei consumatori per la mediazione delle controversie. Le violazioni della legge possono essere sanzionate con sanzioni fino a 10.000 euro per le violazioni minori e fino a 1 milione di euro per i casi più gravi. Anche le aziende di gioco d’azzardo che commettono gravi fallimenti potrebbero vedersi sospese le licenze.

Nuove regole per i casinò online

Per i giochi da casinò online e le slot, i giocatori dovranno impostare i propri limiti per i tempi di sessione e le spese. I giocatori non potranno modificare i limiti selezionati per 24 ore dopo averli impostati. I team di assistenza clienti degli operatori devono fornire ai giocatori i dettagli delle loro sessioni di gioco, inclusi il tempo trascorso a giocare, i soldi spesi e le perdite.

Ai giochi da casinò online sarà inoltre vietato visualizzare messaggi o schede come “gioca ancora”, “ancora una volta” o “stavi per vincere!”, che si ritiene promuovano un gioco intensivo.

Le entrate del gioco d’azzardo spagnolo sono diminuite del 5,6% su base annua nel secondo trimestre, attestandosi a 203,9 milioni di euro. Il calo è dovuto ai bassi margini delle scommesse sportive, che hanno causato un calo delle entrate nonostante un aumento dell’8,6% delle puntate.

Gli operatori hanno mantenuto meno del 2,5% delle quote nel trimestre. La posta in gioco nelle scommesse sportive è aumentata del 5% anno su anno. Tuttavia, i ricavi delle scommesse sportive sono diminuiti di un terzo anno su anno e del 6,7% in sequenza a 60,9 milioni di euro. I margini erano bassi su tutti i tipi di scommessa: 2,6% per le scommesse pre-partita, 1,8% per le scommesse in-game e 4,8% per le corse di cavalli.

 

PressGiochi

×