26 Ottobre 2020 - 04:51

Spagna. I legislatori spagnoli accettano di integrare gli schemi di autoesclusione

I rappresentanti delle 17 comunità autonome della Spagna hanno concordato di integrare i programmi di autoesclusione di ciascuna regione per il gioco d’azzardo, per coordinare meglio gli sforzi di protezione dei giocatori a livello locale e nazionale.

23 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

I rappresentanti delle 17 comunità autonome della Spagna hanno concordato di integrare i programmi di autoesclusione di ciascuna regione per il gioco d’azzardo, per coordinare meglio gli sforzi di protezione dei giocatori a livello locale e nazionale. L’accordo è stato raggiunto con le 17 comunità e le città autonome di Ceuta e Melilla, che hanno sviluppato le proprie regole sul gioco d’azzardo, in una riunione del Consiglio nazionale per la politica sul gioco d’azzardo, presieduto dal Ministro dei consumatori Alberto Garzón. Alla fine è stato approvato a maggioranza, con la Catalogna che ha votato contro la misura e le comunità basca e valenciana che si sono astenute. Attualmente, ad eccezione della comunità di Castilla la Mancha, le richieste di autoesclusione sono registrate nell’elenco della comunità locale. Tuttavia, l’autorità di regolamentazione del gioco d’azzardo del paese Dirección General de Ordenación del Juego (DGOJ) ha mantenuto un database di autoesclusione online, il Registro General de Interdicciones de Acceso al Juego (RGIAJ), dal 2015.

A seguito dell’accordo, i rappresentanti delle comunità autonome lavoreranno insieme per sviluppare il quadro tecnico e normativo necessario per facilitare il collegamento dei programmi di autoesclusione. Questo deve essere completato entro quattro mesi, quindi sottoposto all’approvazione del Gaming Policy Council. Una volta approvati gli standard, ogni comunità avrà un anno per apportare le modifiche tecniche necessarie e gli eventuali aggiornamenti normativi necessari prima che l’integrazione debba essere completata. La misura è stata accolta con favore dall’associazione di gioco online JDigital, che ha affermato che rappresenta “un importante passo avanti nella protezione dei giocatori”, spiegando: “Ci stiamo mettendo a disposizione del Governo per condividere le nostre competenze acquisite operando in questo settore per definire e implementare i meccanismi in grado di proteggere gli utenti nel modo più efficiente”. JDigital ha anche sottolineato che i suoi membri sono tutti integrati con l’RGIAJ, consentendo loro di rilevare qualsiasi tentativo da parte di giocatori autoesclusi di registrarsi per un account. Il consolidamento degli schemi di autoesclusione è l’ultima mossa per aumentare i controlli di protezione dei giocatori per il gioco d’azzardo in Spagna. L’attenzione del Governo sulla riduzione del potenziale di danno si è concentrata principalmente sulla pubblicità, con una serie di nuove misure notificate alla Commissione europea a luglio.

 

 

PressGiochi