22 Gennaio 2021 - 17:20

Spagna. Entrate del gioco d’azzardo in calo del 50% su base annua

L’ultimo Annuario del gioco in Spagna dell’associazione industriale spagnola Cejuego, compilato in collaborazione con l’Università Carlos III di Madrid, ha rivelato un calo del 50% delle entrate dei giochi tra gennaio e ottobre 2020.

02 Dicembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

L’ultimo Annuario del gioco in Spagna dell’associazione industriale spagnola Cejuego, compilato in collaborazione con l’Università Carlos III di Madrid, ha rivelato un calo del 50% delle entrate dei giochi tra gennaio e ottobre 2020. I risultati mostrano che i ricavi lordi su tutti i prodotti e canali si sono attestati a 4,35 miliardi di euro per il periodo di dieci mesi, in calo del 50% rispetto ai dati del 2019. Delle entrate del 2020, 2,45 miliardi di euro provengono da società di gioco private, mentre 1,9 miliardi di euro provengono dall’Organización Nacional de Ciegos Españoles (ONCE) di proprietà statale e dalla Sociedad Estatal Loterías y Apuestas del Estado (SELAE). Nel 2019, il gioco ha rappresentato lo 0,8% del PIL spagnolo, poiché le entrate di SELAE e ONCE si sono attestate a 4,59 miliardi di euro, in aumento del 6,2% rispetto al 2018 e le società di gioco private hanno raccolto 4,86 ​​miliardi di euro, in calo dello 0,1% rispetto all’anno precedente.

Il rapporto rileva che alla fine del 2019 il gioco non si era ancora ripreso dalla caduta subita durante la precedente crisi economica spagnola. Il fatturato totale dell’anno è stato di 10,23 miliardi di euro, il 6% in meno rispetto agli anni precedenti la crisi economica. La maggior parte delle entrate del gioco privato del 2019 proveniva da macchine nel settore dell’ospitalità e sale bingo, mentre il 7,7%, circa 776 milioni di euro, proveniva dal gioco d’azzardo online. Nel 2019 il settore ha impiegato 84.797 persone. Questo comprende 47.047 dipendenti di imprese private; 18.463 a SELAE e 19.287 a ONCE. Inoltre, circa 50.000 posti di lavoro indiretti sono stati generati da macchine arcade nel settore dell’ospitalità.

Alejandro Landaluce, CEO di Cejuegos, ha dichiarato: “Nonostante il calo dei ricavi delle società di gioco sia superiore a quello registrato in altri settori come la moda, le automobili o le vendite in negozio nei grandi magazzini, siamo riusciti a ridurre i licenziamenti della forza lavoro al 15%, per cui attualmente lavora l’85% dei dipendenti del settore”. I risultati pubblicati a ottobre hanno mostrato che il mercato del gioco d’azzardo online in Spagna è cresciuto del 17,7% su base annua nel secondo trimestre del 2020, poiché la crescita dei casinò online e del poker ha compensato il calo delle scommesse sportive causato da chiusure sportive in tutto il mondo.

 

 

 

 

PressGiochi