23 Gennaio 2021 - 03:15

Spagna. Botta e risposta tra il Ministro Garzon e ANESAR

In un’intervista, il ministro dei Consumi ha risposto alla domanda “Saranno rafforzati i controlli per impedire il gioco ai minori?”, dichiarando: “Siamo molto preoccupati perché i sondaggi indicano che c’è

08 Gennaio 2021

Print Friendly, PDF & Email

In un’intervista, il ministro dei Consumi ha risposto alla domanda “Saranno rafforzati i controlli per impedire il gioco ai minori?”, dichiarando: “Siamo molto preoccupati perché i sondaggi indicano che c’è una percentuale molto importante di minori che giocano. E questo è illegale. Nel campo del gioco d’azzardo online, i requisiti per verificare l’identità di chi gioca d’azzardo sono enormi. Purtroppo, nelle situazioni ‘’al dettaglio’’, ci sono situazioni di maggiore vulnerabilità, come sale da gioco con una sola persona, che spesso non si sente legittimata a fare da poliziotto. Pertanto, il controllo degli accessi, è qualcosa su cui stiamo lavorando con le autonomie, che sono quelle competenti”.

Il segretario generale di ANESAR, Juan Lacarra, ha risposto a Garzon dicendo: “Supponiamo che si riferisca a giochi gestiti pubblicamente o semi-pubblicamente. Nel campo dei giochi gestiti privatamente, le comunità autonome hanno già svolto questo lavoro. Controllo degli accessi in sale da gioco e stabilimenti gestiti privatamente per impedire l’accesso ai minorenni e autoesclusi è una realtà già da anni in Spagna. Funziona ed è altamente efficace secondo i dati delle Comunità Autonome. Aziende e lavoratori del settore del gioco privato lo sanno bene”.

 

 

 

 

PressGiochi