30 Settembre 2020 - 19:58

Spadoni (M5S): “Alla Camera, 310 deputati pronti ad abolire la pubblicità sul gioco”

“Grazie al Movimento 5 Stelle saranno calendarizzati  tutti i progetti di legge per vietare la pubblicità del gioco d’azzardo. Il Movimento 5 Stelle lo fa per tutte le associazioni ed

03 Agosto 2015

Print Friendly, PDF & Email

“Grazie al Movimento 5 Stelle saranno calendarizzati  tutti i progetti di legge per vietare la pubblicità del gioco d’azzardo. Il Movimento 5 Stelle lo fa per tutte le associazioni ed i cittadini che vogliono raggiungere questo risultato”. Lo annuncia Maria Edera Spadoni, parlamentare del Movimento 5 Stelle che riprende l’appello e l’annuncio  lanciato dal vicepresidente Luigi Di Maio.

 

“Il Movimento 5 Stelle come gruppo d’ opposizione ha diritto tramite l’art. 24, comma 3 del regolamento della Camera di portare in discussione proposte di legge di parte ed ha deciso di mettere a disposizione questo spazio di democrazia parlamentare per tutte le proposte di legge, anche quelle non a prima firma M5S,  che mirano all’abolizione della pubblicità sul gioco d’azzardo in ogni forma.  Legge richiesta a gran voce da tutte le associazioni che lottano contro la piaga dell’azzardo-patia che riguarda quasi 1 milione di persone in Italia” spiega Di Maio in un video appello.

 

“Verrà quindi  calendarizzata alla ripresa dei lavori dopo la pausa estiva non solo la proposta di legge depositata dal del Movimento 5 Stelle alla Camera che ho firmato con tutti i colleghi del gruppo ma anche quella analoga e trasversale e sottoscritta da altri parlamentari come quella a prima firma Basso e sottoscritta da 211 deputati. Alla sola Camera c’è già quindi un fronte di oltre 310 parlamentari sicuri che vuole abolire in tutte le forme la pubblicità sul gioco d’azzardo“, spiega Maria Edera Spadoni.

 

“L’azzardo è vietato ai minori di 18 anni, mentre la pubblicità – assurdamente – è consentita. Il 51% dei minorenni (dati Nomisma 2015) azzarda, un terzo di questi nasconde l’entità delle somme perse ai genitori. Se decidessero i cittadini, la pubblicità dell’azzardo sarebbe già abolita, come avvenne ben 50 anni fa per le sigarette. Siamo in ritardo: la pubblicità va abolita subito. Lo chiedono le tante vittime che hanno iniziato invogliati dai messaggi pubblicitari; lo chiedono le famiglie, le associazioni che si battono per la legalità, la salute e per un altro modello culturale”, dice ancora la Spadoni.

 

“Il governo con il sottosegretario Baretta a parole ha dichiarato di essere favorevole: è ora di dimostrarlo. Grazie al Movimento 5 Stelle tutte le proposte di legge per abolire la pubblicità sul gioco d’azzardo che droga la nostra società e condiziona l’informazione con oltre 200 milioni di euro l’anno d’investimenti, verranno immediatamente calendarizzate e abbinate alla ripresa dei lavori dopo la pausa estiva”, ha spiegato Di Maio insieme alla Spadoni. “Il Movimento 5 Stelle si è messo a disposizione per tutti coloro che vogliono combattere questa piaga e sconfiggere le lobbies. Ora tutti gli altri parlamentari di ogni forza politica che condividono lo stesso proposito facciano pressione insieme alle associazioni affinchè la propsota diventi legge al più presto”, conclude la Spadoni.

 

 

 

Riforma Rai. Approvato odg per il divieto assoluto agli spot dell’azzardo su tutto il sistema radiotelevisivo

 

 

PressGiochi