20 Settembre 2020 - 20:46

Sisal Group chiude l’esercizio 2014 con un volume d’affari di 13,9 miliardi di euro (+4,7%)

Sisal Group S.p.A. ha chiuso l’esercizio 2014 con un volume d’affari record di 13,9 miliardi di Euro, in crescita del 4,7% rispetto al 2013. I Ricavi consolidati sono stati pari

28 Aprile 2015

Print Friendly, PDF & Email

Sisal Group S.p.A. ha chiuso l’esercizio 2014 con un volume d’affari record di 13,9 miliardi di Euro, in crescita del 4,7% rispetto al 2013.

I Ricavi consolidati sono stati pari a 821 milioni di Euro, in crescita del 6,3%, rispetto ai 772,3 milioni di Euro del 2013; i ricavi consolidati relativi al quarto trimestre sono stati pari a 217 milioni di Euro, in crescita del 5,2% (207 milioni di Euro nel 2013).

L’esercizio 2014 si è inoltre chiuso con un risultato di pertinenza del gruppo negativo per 1,3 milioni di Euro.

L’Adjusted EBITDA è stato pari a 188,8 milioni di Euro, in aumento dell’7,6% rispetto al 2013 (177,5 milioni di Euro nel 2013). Nel quarto trimestre del 2014, questo dato è stato pari a 52,5 milioni di Euro, in linea con quanto registrato nel medesimo periodo del 2013.

La Posizione Finanziaria Netta (PFN) al 31 dicembre 2014 è pari a 894 milioni di Euro, in miglioramento di 20 milioni rispetto ai 914 milioni di Euro registrati al 31 dicembre 2013.

Questi risultati sono stati conseguiti nonostante un contesto marco-economico ancora instabile e volatile, in cui vasti settori produttivi e finanziari hanno subito una fase recessiva. L’esercizio 2014 riflette l’implementazione degli investimenti – pari a 46,5 milioni di Euro nei 12 mesi – e delle acquisizioni del 2013 che stanno accelerando lo sviluppo della nostra strategia retail, unita alla continua esecuzione dei nostri programmi di contenimento dei costi.

“Payment & Services”

La divisione di Payments & Services ha registrato un volume d’affari di 6,9 miliardi di Euro in aumento del 10,4% (6,2 miliardi di Euro nel 2013), confermandosi come principale business unit del gruppo per turnover.

I ricavi della business unit nel 2014 sono stati pari a 167 milioni di Euro, in aumento del 19% rispetto ai 148 milioni di Euro nel 2013. Il peso complessivo dei ricavi provenienti dalla divisione di Pagamenti e Servizi sul totale è passato dal 19,2% nel 2013 al 20,4% nel 2014, come risultato di una attenta strategia di diversificazione che ha permesso a Sisal di affermarsi come uno dei leader nel comparto. Gli investimenti strategici che hanno portato alla realizzazione dell’infrastruttura di accettazione pagamenti cashless su tutta la rete (45.000 POS) posizionano Sisal come leader nel canale di prossimità.

“Payment & Services” è incaricata della gestione delle attività di: (i) pagamento di bollette, utenze, multe, tributi, abbonamenti, ecc.; (ii) ricarica di carte di debito prepagate; (iii) ricarica di schede telefoniche e schede TV per pay-per-view; nonché (iv) commercializzazione di alcuni prodotti come gadget e piccoli giocattoli. Nel 2014 circa 12 milioni di italiani hanno usato i servizi di pagamento Sisal e hanno generato circa 190 milioni di transazioni.

Il comparto dei servizi di pagamento si conferma un ambito dalle grandi potenzialità di crescita a fronte di un mercato potenziale di circa 96 miliardi di euro.

 

“Gaming”

Il “Retail Gaming” ha registrato ricavi in crescita del 7,8% pari a 530 milioni di Euro (492 milioni di Euro nel 2013) grazie all’importante contributo pervenuto dalle “Virtual Race”, le scommesse sportive virtuali. Il volume d’affari è stato di 4,7 miliardi di Euro. Un risultato principalmente legato all’ampliamento della rete di negozi per le scommesse, frutto della strategia retail del Gruppo. In particolare, Sisal ha realizzato negli anni una rete distributiva capillare e caratterizzata da una costante innovazione del format retail, posizionandosi come una opportunità di business altamente attrattiva per gli imprenditori del settore.

Retail Gaming è la business unit del Gruppo incaricata della gestione delle attività relative agli Apparecchi da Intrattenimento, alle scommesse a quota fissa e ai tradizionali concorsi a pronostico sportivi nonché al bingo e gestita attraverso la rete dei punti vendita con i Brand Sisal Wincity, Matchpoint, SmartPoint.

La divisione “Lottery” ha registrato ricavi pari a 76 milioni di Euro contro i 91 milioni di Euro del 2013. Il calo è principalmente dovuto alla maturità dei prodotti e all’allungamento dei tempi di approvazione delle nuove versioni dei giochi. La business unit “Lottery” è incaricata della gestione delle attività di raccolta dei GNTN (Giochi Numerici a Totalizzatore Nazionale).

La divisione di “Online Gaming” ha registrato ricavi pari a 45 milioni di Euro, (+ 12,8% rispetto ai 40 milioni di Euro nel 2013) grazie alla marcata crescita delle scommesse sportive on-line, e dei ricavi provenienti da slot machines e giochi da casinò. La divisione “Online Gaming” è incaricata della gestione delle attività svolte nel comparto della raccolta dei giochi e delle scommesse online attraverso il portale “sisal.it” e attraverso il canale mobile.

 

Evoluzione prevedibile della gestione

L’outlook 2015 risulta essere condizionato in misura rilevante dalle modifiche normative introdotte con l’ultima Legge di Stabilità, in particolare dalle misure di natura erariale che penalizzano in modo sensibile l’intera filiera degli operatori nel settore degli apparecchi da intrattenimento, obbligandoli fra l’altro ad una complessa rinegoziazione degli accordi commerciali.

Per far fronte a questi impatti il Gruppo ha messo a punto anche un incisivo piano di razionalizzazione di costi operativi individuando opportunità di riduzione delle attività di marketing e comunicazione, dei costi di gestione della rete distributiva, delle attività gestite dalle direzioni di staff e del costo del lavoro. E’ stato anche definito un analogo piano di riduzione dei progetti di investimento, finalizzato a compensare l’impatto della Legge di stabilità sulla liquidità del Gruppo nel suo complesso e delle società che lo compongono.

Grazie alle azioni sovra esposte, sotto il profilo finanziario si prevede una capacità di gestione equilibrata e di generazione di cassa operativa nell’esercizio 2015 tale da consentire comunque l’effettuazione di ulteriori significativi investimenti per complessivi oltre 40 milioni di Euro, nel rispetto dei vincoli connessi ai finanziamenti in essere.

PressGiochi

Fonte immagine: https://rep.repubblica.it/pwa/commento/2018/06/11/news/la_spagna_di_sa_nchez_paese_dell_accoglienza-198753174/