29 Settembre 2020 - 18:13

Sisal delocalizza call center. Manfredi (Pd): “Il governo intervenga”

La Società Sisal spa, che opera in Italia con regime concessorio da parte dei Monopoli di Stato nel settore del gioco ha preannunciato la necessità di effettuare licenziamenti collettivi per

19 Giugno 2015

Print Friendly, PDF & Email

La Società Sisal spa, che opera in Italia con regime concessorio da parte dei Monopoli di Stato nel settore del gioco ha preannunciato la necessità di effettuare licenziamenti collettivi per la delocalizzazione del proprio call center a Tirana, in Albania, implicando nel processo 97 persone.

Come dichiara l’on. Massimiliano Manfredi del Pd in una interrogazione rivolta ieri al Ministro dello sviluppo economico e al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, “Sisal spa ha dichiarato di voler procedere alla cessione del ramo d’azienda di 12 agenzie dirette (L’Aquila, Ascoli Piceno, Barletta, Corato, Bergamo, Latina, Manfredonia, Molfetta, Napoli – Giordano Bruno, Napoli – Via Diocleziano, Roma Tuscolana, Torino – Via Nizza), un’agenzia Wincity (Pescara), un’agenzia Bingo (Napoli), coinvolgendo in quest’ultima operazione altri 180 lavoratori; alla base di queste scelte della Sisal vi sarebbe l’imposta aggiuntiva di 48 milioni di euro sulle slot prevista dalla legge di stabilità del 2015; la Società Sisal spa, mediante tali decisioni, ad avviso dell’interrogante scarica l’aggravio fiscale interamente sui propri dipendenti e nel contempo ha disdetto il contratto integrativo aziendale, frutto di una contrattazione ventennale per abbassare il costo del personale (incidente per il 10 per cento dei costi totali); sempre nell’ottica del contenimento del costo del personale Sisal spa ha aperto un’acquisizione, mediante asta giudiziale, alle concessioni dei punti SNAI-SIS, per l’assorbimento di 200 dipendenti e si è avvalsa di 300 collaboratori per allargare la rete commerciale”.

Manfredi ha quindi chiesto quali siano, per quanto di competenza, gli orientamenti del Governo sulla scelta della Sisal di delocalizzare il call center, se ritenga che la modalità prescelta dall’azienda concessionaria in merito al procedimento di cessione di ramo d’azienda sia conforme all’attuale sistema normativo e quali iniziative intenda intraprendere al fine di affrontare e risolvere questa grave vicenda occupazionale.

PressGiochi