23 Ottobre 2020 - 02:43

Risso (FIT): “Si rinnova l’appuntamento con la Lotteria Italia”

Immancabile, come sempre, anche quest’anno ha preso il via la vendita di biglietti della nuova edizione della Lotteria Italia. Un appuntamento annuale, che dal mese di settembre ci condurrà dritti nel cuore delle prossime festività natalizie.

14 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Immancabile, come sempre, anche quest’anno ha preso il via la vendita di biglietti della nuova edizione della Lotteria Italia.
Un appuntamento annuale, che dal mese di settembre ci condurrà dritti nel cuore delle prossime festività natalizie.

Negli ultimi mesi – scrive il Presidente della Federazione Tabaccai, Giovanni Risso–  abbiamo dovuto subire stravolgimenti di ogni tipo a causa del diffondersi del Coronavirus.È cambiato il nostro modo di lavorare, di relazionarci con i clienti, di gestire l’attività. E, nonostante molte cose siano meccanicamente entrate a far parte della nostra routine, molte altre, invece, non riusciamo ancora a digerirle e a considerarle nel novero delle consolidate abitudini.
Per certi versi è un po’ quello che accade anche con la Lotteria Italia. Nonostante si tratti di un gioco che è consuetudine del Paese e che per obbligo capitolare la nostra rete è tenuto a vendere, alcuni tabaccai – pochi fortunatamente – ancora non riescono ad accettare il fatto di dover acquistare i biglietti.

E poco importa che milioni di italiani, perlopiù nostri clienti, abbiano conservato il pieno rispetto delle tradizioni, nella vita così come nel gioco, non facendosi mancare mai l’annuale acquisto del biglietto, tantomeno che l’aggio sia ancora del 10%, il più alto garantito del comparto.
C’è chi non ordina i biglietti per timore dell’invenduto, chi per puro principio, chi per semplice dimenticanza.

A tutti questi colleghi voglio innanzitutto ricordare che, in qualità di rete di concessionari dello Stato, siamo soggetti al rispetto di specifiche regole imposte dal settore e dalla peculiarità dello stesso. Non dimentichiamoci che si tratta di quelle stesse regole sulle quali si poggiano, e spesso si giustificano, alcune delle nostre esclusive.

Oltretutto, si tratta di dover acquistare una manciata di tagliandi da vendere nell’arco di 4 mesi. Credo sia ragionevole sostenere che soltanto anche con un minimo di esperienza ed un pizzico di buona volontà, ciascuno di noi sia in grado di raggiungere tale obiettivo.
Quindi non lasciamoci trascinare da immotivati mal di pancia. Effettuiamo da subito l’ordine dei nuovi biglietti della Lotteria Italia.
Del resto, rimandare l’acquisto dei tagliandi ci sottopone ad un duplice rischio: da una parte ci espone al rischio di contestazione da parte dell’Amministrazione e, dall’altra, più si attende, più si riduce il periodo di vendita, aumentando così il potenziale pericolo che alcuni tagliandi rimangano in tabaccheria.
Non indulgiamo, dunque, mettiamoci subito in regola ed al riparo da qualsiasi spiacevole conseguenza.

 

 

 

 

PressGiochi