11 Agosto 2020 - 12:47

Senato. Albano (Pd): “Non retrocedere neanche di un centimetro contro il gioco d’azzardo”

“Accolgo le proposte contenute nella relazione – ha dichiarato la senatrice del Pd, Donatella Albano, durante la discussione in Senato della Relazione della Commissione Antimafia sulle infiltrazioni mafiose e criminali

25 Gennaio 2017

Print Friendly, PDF & Email

“Accolgo le proposte contenute nella relazione – ha dichiarato la senatrice del Pd, Donatella Albano, durante la discussione in Senato della Relazione della Commissione Antimafia sulle infiltrazioni mafiose e criminali nel gioco lecito e illecito – tra le quali voglio richiamare sicuramente un rafforzamento delle barriere all’ingresso, per il rilascio, il rinnovo e il mantenimento delle concessioni, unito a un inasprimento dell’apparato sanzionatorio penale e amministrativo. Altresì, sarà opportuno rafforzare, anche di concerto con l’ANAC, le misure antiriciclaggio, attraverso una maggiore tracciabilità delle vincite al gioco. In tal senso, ha ragione la relazione quando denuncia i rischi derivanti dall’estrema polverizzazione dei punti di gioco che ostacola i controlli.

Infine, non dobbiamo dimenticarci di intervenire con politiche adatte nei confronti dei giocatori d’azzardo patologici, che vanno aiutati con misure preventive, terapeutiche e anche riabilitative, misure che potrebbero – è una mia opinione – essere finanziate ulteriormente con parte del gettito derivante dal gioco stesso.

Il gioco d’azzardo è diventato ormai un coinvolgimento di massa di tutti i ceti sociali e, mentre nelle culture passate il giocatore d’azzardo veniva considerato un avventuriero dissipatore, oggi un ragazzo o un adulto che bruciano soldi nelle macchinette istallate un po’ dovunque non vengono considerati neppure soggetti a rischio.

Voglio ringraziare nuovamente la Commissione, e in particolare il senatore Vaccari, per questo importante lavoro e voglio sollecitare tutti voi, colleghi, a non retrocedere, neanche di un centimetro, in tema di lotta al gioco d’azzardo; ne va della salute dei nostri figli e dei nostri concittadini, nel bene dell’Italia tutta”.

PressGiochi