24 Settembre 2020 - 07:14

Scommesse. Nel 2014 le scommesse online hanno evidenziato un incremento del 28% in più rispetto al 2013

Le scommesse hanno definitivamente mandato in pensione il Totocalcio che fino ad un decennio fa recitava un ruolo da protagonista per chi amava scommettere sui risultati delle partite di calcio

09 Aprile 2015

Print Friendly, PDF & Email

Le scommesse hanno definitivamente mandato in pensione il Totocalcio che fino ad un decennio fa recitava un ruolo da protagonista per chi amava scommettere sui risultati delle partite di calcio ed in particolar modo sulla Serie A. Da qualche anno, dunque, il Totocalcio si è eclissato per far posto alle agenzie di scommesse che oggi offrono la possibilità di poter puntare praticamente su qualsiasi sport. Un’escalation davvero incredibile che viene molto ben raccontata dall’infografica proposta dal sito dedicato alle slot machine AAMS giochidislots.com.

Il 2014, ad esempio, è stato un anno davvero super per le scommesse che hanno evidenziato un incremento del 13,7% rispetto al 2013 per quel che riguarda la raccolta complessiva che si è fermata a 4,22 miliardi di euro. Naturalmente sono stati diversi gli aspetti che hanno permesso questo ulteriore passo in avanti delle scommesse sportive in Italia in termini prettamente economici. Su tutti l’effetto Mondiale 2014 ha giocato un ruolo rilevante in quanto nei soli mesi di giugno e luglio la raccolta è stata di 500 milioni, ben 150 in più rispetto all’annata precedente. C’è da fare qualche piccola precisazione, però, da fare. Come tutti sappiamo per il momento le scommesse sportive classiche che si giocare nei centri scommesse che si trovano nelle nostre città riescono ad avere ancora un giro d’affari piuttosto consistente, ma il 2014 è stato un anno decisamente importante anche per il comparto online che ha fatto registrare un incremento del 28% rispetto al 2013 passando dagli 1,24 miliardi agli 1,6. Dati che con il passare del tempo, grazie alle innumerevoli innovazioni che i vari bookmakers stanno portando avanti, aumenteranno fino ad arrivare al fatidico sorpasso. Ai colossi di questo settore va dato il merito di essere riusciti a leggere con largo anticipo dove la tecnologia sarebbe arrivata. Ora le famose app sono diventate parte della nostra vita, ma i primi bookies già diversi anni fa avevano deciso di lanciare le proprie app nei vari store per permettere ai propri clienti di potersi divertire anche utilizzando un device mobile come smartphone e tablet.

Diverse agenzie, quasi esclusivamente straniere, hanno deciso di puntare molto sulla visibilità e dunque investire in pubblicità. Il miglior modo è senza dubbio quello di creare delle partnership con le società di calcio più importanti. In Italia quasi tutte le società di Serie A hanno tra i loro sponsor dei bookmakers. Il colosso Bwin che dopo aver legato il suo nome con il Real Madrid per tantissimi anni, ora è tra i partner ufficiali anche della Juventus in Italia. Mossa sicuramente azzeccata da parte dei vertici di Bwin che in questo modo hanno avuto un ritorno incredibile in termini di fatturato ponendolo come marchio di gaming online leader in Europa. Altro club italiano fresco fresco di accordo è la Fiorentina dei Della Valle che ha legato il proprio nome al bookmaker online Betclic all’inizio di questa stagione sportiva.

PressGiochi