18 Settembre 2020 - 13:47

Scommesse. Il Tar Lazio respinge istanza cautelare sulla sanatoria

Tenuto conto della novità e della complessità delle questioni trattate e considerato che le esigenze cautelari addotte dalla società ricorrente non giustificano la concessione della richiesta misura cautelare in quanto

16 Aprile 2015

Print Friendly, PDF & Email

Tenuto conto della novità e della complessità delle questioni trattate e considerato che le esigenze cautelari addotte dalla società ricorrente non giustificano la concessione della richiesta misura cautelare in quanto non è stato allegato alcun pregiudizio grave ed irreparabile e la predetta società già opera sul territorio nazionale attraverso lo “Sportello virtuale affiliato”, il Tar Lazio – seconda sezione – ha deciso di respingere la domanda cautelare avanzata dalla società Sogno di Tolosa ltd contro il decreto dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del 5 gennaio 2015, di “Approvazione modello di dichiarazione di impegno alla regolarizzazione fiscale per emersione dei soggetti attivi alla data del 30 ottobre 2014 che comunque offrono scommesse con vincite in denaro in Italia, per conto proprio ovvero di soggetti terzi, anche esteri, senza essere collegati al totalizzatore nazionale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di cui all’art. 1, comma 643, della legge 23 dicembre 2014, n. 190”, e relativi decreti attuativi. Ad intervenire ad opponendum la società Sks 365 Group Gmbh.

PressGiochi