11 dicembre 2019
ore 05:36
Home Diritto Scaduto lo “stand still” della Commissione Europea sul “Comma 7”, il progetto verrà adottato

Scaduto lo “stand still” della Commissione Europea sul “Comma 7”, il progetto verrà adottato

E’ scaduto il termine dell’analisi, il periodo di “stand still” da parte della Commissione Europea del progetto "Regole tecniche in materia di apparecchi da divertimento ed intrattenimento di cui all’art. 110, comma 7, del Regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni” presentato da ADM. Al progetto era stato presentato un esposto da parte della Sapar. “Nel quale- aveva commentato il segretario nazionale della Sapar Corrado Luca Bianca- si evince l’incompatibilità del sistema italiano con il diritto dell’Unione Europea in materia di libera circolazione delle merci e dei servizi, relativamente alle transazioni commerciali per gli apparecchi senza vincita di denaro". Non essendo stata posta nessuna osservazione da parte dalla Commissione il progetto potrà essere adottato.
SHARE
Scaduto lo “stand still” della Commissione Europea sul “Comma 7”, il progetto verrà adottato

E’ scaduto il termine dell’analisi, il periodo di “stand still” da parte della Commissione Europea del progetto “Regole tecniche in materia di apparecchi da divertimento ed intrattenimento di cui all’art. 110, comma 7, del Regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e successive modificazioni” presentato da ADM.

Al progetto era stato presentato un esposto da parte della Sapar.

“Nel quale- aveva commentato il segretario nazionale della Sapar Corrado Luca Bianca-  si evince l’incompatibilità del sistema italiano con il diritto dell’Unione Europea in materia di libera circolazione delle merci e dei servizi, relativamente alle transazioni commerciali per gli apparecchi senza vincita di denaro”.

Non essendo stata posta nessuna osservazione da parte dalla Commissione  il progetto potrà essere adottato.

“L’adozione del provvedimento notificato, prevista dal comma 7 ter), dell’art. 110 del Tulps (testo unico delle leggi di pubblica sicurezza) è necessaria per definire le regole tecniche per la produzione degli apparecchi da divertimento ed intrattenimento senza vincita in denaro- è scritto nelle motivazioni ufficiali della presentazione del progetto- accessibili per legge anche ai soggetti minori di età, individuati dal relativo comma 7 che, dopo le modifiche apportate con la legge n. 228/2012 (ed. Legge di stabilità 2013), ricomprende tutte le tipologie di apparecchi caratterizzate dal non consentire la vincita in denaro.
La presenza sul mercato degli apparecchi in argomento riconducibili alle nuove lettere c-bis e c-ter del comma 7 citato, rende necessaria una disciplina che miri ad una valutazione ed emersione dell’esistente, nei limiti fìssati dalla norma.
E’ stato dunque ribadito (anche se non esplicitamente, il divieto già esisteva) che gli apparecchi di cui al comma 7 non sono utilizzabili per le manifestazioni a premio disciplinate dal D.P.R. 26 ottobre 2001, n. 430, e che i premi ammissibili sono soltanto oggetti di modico valore oppure tagliandi (convertibili in oggettistica o altra utilità, comunque di modico valore). Ciò mira sia ad escludere, come constatato in passato nella prassi, che attraverso apparecchi di cui al comma 7 si consenta di conseguire vincite in denaro, sia a far ricadere la regolamentazione di tali apparecchi interamente nell’ambito di competenza dell’amministrazione economico-finanziaria (unica autorità amministrativa con potestà regolatoria in tema di giochi pubblici)”.

Il progetto di regole tecniche (che sarà, come detto, adottato con decreto ministeriale) è costituito da 3 Capi per complessivi 10 articoli.

Il Capo I – “Disposizioni generali”, individua le finalità del decreto ed il nomenclatore utilizzato ai fini della sua applicazione.
Il Capo II – “Regole tecniche di produzione”, specifica i requisiti minimi di ciascun apparecchio, ulteriori requisiti per gli apparecchi individuati dal nomenclatore come 7a, 7c, 7c-bis e 7c-ter, il formato ed i contenuti della scheda esplicativa che deve essere predisposta dai produttori o importatori per ogni apparecchio, e quelli del registro delle manutenzioni che può essere istituito e conservato da parte del detentore dell’apparecchio; stabilisce l’obbligo di applicare all’esterno di ciascun apparecchio una targa riportante, in italiano, specifiche informazioni relative al gioco.
Il Capo III – ” Verifica tecnica”, descrive le modalità di esecuzione e le finalità della verifica tecnica necessaria per consentire al produttore o importatore di apparecchi di conseguire i titoli abilitativi previsti dalla legislazione vigente. Al riguardo, per le tipologie più semplici di apparecchi è prevista una verifica semplificata consistente nel solo esame documentale.
PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN