03 Febbraio 2023 - 15:40

Sapar scrive al Consiglio regionale calabrese: “Senza le modifiche alla legge sul gioco a rischio 8.000 posti di lavoro”

Alcune NOTIZIE FALSE apparse su comunicati stampa ed articoli su media locali, hanno indotto il Consiglio regionale della Calabria a ritenere l’approvazione della Legge nr. 107/12, recante modifiche alla Legge

13 Dicembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Alcune NOTIZIE FALSE apparse su comunicati stampa ed articoli su media locali, hanno indotto il Consiglio regionale della Calabria a ritenere l’approvazione della Legge nr. 107/12, recante modifiche alla Legge Regionale nr. 9/2018, come un atto di liberalizzazione indiscriminata delle attività di raccolta del gioco d’azzardo. Niente di più sbagliato e pericoloso.

La Sapar è quindi intervenuta con una lettera, a firma del presidente Domenico Distante, indirizzata al presidente, ai consiglieri capigruppo ed ai consiglieri del Consiglio regionale della Calabria.

Nella lettera vengono smentite punto per punto le notizie false circolate in questi giorni:

 “la proposta permetterebbe di aprire sale giochi in qualsivoglia posizione, anche in prossimità di luoghi sensibili”. FALSO! La proposta non consente di aprire ulteriori punti di raccolta di gioco, ma si limita ad uniformare le distanze di rispetto dai luoghi sensibili già individuati dalla norma eliminando la attuale distinzione tra comuni in base alla popolazione e limita le licenze a quelle già rilasciate al 28 aprile 2018

 “la norma liberalizza gli orari del gioco consentendo la raccolta H24”. FALSO! La proposta non liberalizza gli orari di gioco, ma delega i sindaci, che ne hanno la competenza, alla loro individuazione come già previsto dalla normativa nazionale e come affermato dalla Corte Costituzionale (sentenza n. 220/2014); obiettivamente sconcerta dover rilevare che l’ANCI Calabria non abbia fiducia nella capacità dei Sindaci Calabresi di fare buona amministrazione del proprio territorio e chieda alla Regione di surrogarsi in tale potere, senza accorgersi che una previsione generale per tutto il territorio regionale sarebbe del tutto priva di quel margine di adeguamento alle realtà locali (ad es. tra località rurali e turistiche, tra periodi diversi dell’anno, ecc.) che solo i Sindaci possono garantire

 “i cittadini Calabresi spendono nel gioco oltre 2 miliardi annui”. FALSO! Il dato è stato artatamente riferito agli apparecchi da gioco (unica offerta colpita dalla norma), anche se è relativo a tutti i giochi pubblici, peraltro la raccolta non equivale alla spesa per i giocatori, che è meno di un terzo della raccolta (non si tiene infatti conto della distribuzione di vincite minimo del 65% delle giocate e della percentuale di oltre il 24% che è trattenuta dall’Erario).

 

Ricordiamo che il settore del gioco pubblico garantisce in Calabria oltre 8.000 posti di lavoro che l’attuazione della Legge Regionale nr. 9/2018, senza opportune ed urgentissime modifiche, rischia di far sparire quasi del tutto.

Ma non sono solo i posti di lavoro ad essere a rischio, ma anche la sicurezza e la salute dei cittadini calabresi, in quanto eliminare l’offerta legale non fa altro che regalare il mercato all’offerta illegale e alle organizzazioni criminali.

Non modificare la norma avrebbe come ineludibile conseguenza il dilagare di offerta di gioco non controllata, più pericolosa per i giocatori, difficile da individuare e contrastare, ma soprattutto il rafforzamento delle organizzazioni criminali del territorio ed un grave danno erariale.

 Approvare la norma vuol dire evitare almeno queste conseguenze negative, senza creare l’occasione di un ampliamento dell’offerta.

 Non approvare la norma equivale a firmare – con il proprio nome – migliaia di lettere di licenziamento, favorire la criminalità organizzata, arrecare un danno economico allo Stato e, soprattutto, esporre la salute dei cittadini Calabresi (oggi male informati su quanto sta accadendo) ad ulteriori ed imprevedibili rischi.

La Sapar continuerà la sua battaglia a tutela dei gestori degli apparecchi da intrattenimento con e senza vincite in denaro e delle piccole e medie imprese operanti in Calabria, confidando che il Consiglio regionale possa approvare la proposta di Legge che ha già avuto il via libera dalle commissioni consiliari, salvaguardando così le imprese, i lavoratori e la sicurezza dei cittadini.

 

PressGiochi