24 Settembre 2020 - 16:18

Salerno: un ragazzo su tre gioca online, il 60% connesso per 3 ore al giorno

Nel Vallo di Diano oltre il 60% degli adolescenti presi in esame si connette per più di 3 ore al giorno. Sono questi i risultati presentati dalla Banca Monte Pruno

20 Giugno 2016

Print Friendly, PDF & Email

Nel Vallo di Diano oltre il 60% degli adolescenti presi in esame si connette per più di 3 ore al giorno. Sono questi i risultati presentati dalla Banca Monte Pruno a Sant’Arsenio, in occasione della pubblicazione dell’“Indagine sul rapporto degli adolescenti con il gioco d’azzardo e il web nel Vallo di Diano” raccolti nell’ambito del progetto “Giovani e Azzardo-una dipendenza sempre più diffusa”.

“L’indagine condotta dà risultati poco incoraggianti” ha spiegato il Direttore Generale della Banca Monte Pruno, Michele Albanese.

Il progetto si è rivolto a sensibilizzare 244 studenti delle scuole secondarie di primo grado di 5 Comuni del Vallo di Diano ai quali sono stati somministrati dei questionari specifici per raccogliere opinioni sulla ludopatia e per sensibilizzare gli adolescenti riguardo alle insidie relative al gioco d’azzardo online.

 

“In Campania nel settore delle dipendenze combattiamo ancora con la cerbottana, siamo molto indietro – ha affermato Aniello Baselice Responsabile Settore Dipendenze Asl Salerno –. Il Vallo di Diano è al primo posto in Campania per avere un bambino su 3 che a 12 anni gioca d’azzardo online. Se a 10 anni un bambino spende la sua paghetta in sala giochi, da adulto si ritroverà a sperperare lo stipendio in una sala scommesse“. I nativi digitali sono tecnologicamente esperti, ma non emotivamente attrezzati per fronteggiare le insidie del web. Dal dato locale emerge quindi una sovraesposizione dell’uso del web. C’è bisogno di sensibilizzare le famiglie innanzitutto e poi coinvolgere le amministrazioni che possono regolamentare i gestori”.

PressGiochi