23 Settembre 2020 - 18:52

Salerno: sgominata banda dedita alle estorsioni anche nel settore dei giochi

Alle prime ore dell’alba di questa mattina, i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, diretti dal colonnello Riccardo Piermarini, hanno intrapreso una vasta operazione dal nome “GAME OVER” in diversi

18 Luglio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Alle prime ore dell’alba di questa mattina, i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, diretti dal colonnello Riccardo Piermarini, hanno intrapreso una vasta operazione dal nome “GAME OVER” in diversi comuni della Piana del Sele, in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal gip del tribunale di Salerno su richiesta della locale direzione distrettuale Antimafia, per reati di estorsioni nei confronti di imprenditori locali, del settore edile e di videogiochi per esercizi pubblici, con l’aggravante del metodo mafioso. L’inchiesta era partita nel 2014.

Tra gli imprenditori vittime del clan, anche il titolare di una ditta di Pontecagnano Faiano che opera nel settore del noleggio di videogiochi e slot-machine, al quale è stato imposto di “mettersi a posto con gli amici di Pontecagnano” per evitare di “fare la fine degli altri”. Non essendosi piegato a qualsiasi richiesta estorsiva, dopo qualche giorno, la vittima ha trovato vicino l’ingresso della sua abitazione, una testa di maiale.

Il gruppo – secondo l’accusa – prendeva a sprangate le vittime. Gli arrestati sono stati portati nel carcere di Salerno-Fuorni.

PressGiochi