15 Agosto 2020 - 04:40

Sacripante (FIGC): “Negli eSport, l’Italia deve lavorare su eventi e innovazione”

“Il tema degli esport registra un interesse crescere a livelli di doppia cifra. La Federazione Italiana Gioco Calcio – ha dichiarato Giovanni Sacripante responsabile marketing e contenuti digitale FIGC partecipando

29 Luglio 2020

Print Friendly, PDF & Email

“Il tema degli esport registra un interesse crescere a livelli di doppia cifra. La Federazione Italiana Gioco Calcio – ha dichiarato Giovanni Sacripante responsabile marketing e contenuti digitale FIGC partecipando al webinar ‘L’Italia è il Paese degli esport?’ organizzato dall’Osservatorio Italiano Esports –  entra nel tema per una strategia di marketing e per conoscere meglio la generazione Z e i suoi interessi. E’ la categoria più importante che conosce gli esport e vogliamo imparare che cosa attrae questa categoria di persone perchè essa influenza maggiormente le decisioni di acquisto e le modalità di fruizione del calcio.

Per noi è un modo per entrate in contatto con questa comunità perché chi segue il mondo degli esport è attratto dal senso di appartenenza di questa community. Abbiamo fatto in meno di un anno due start up cercando di valorizzare le cose che vanno e funzionano.

Se dovessi sottolineare le principali novità di questo anno è che il nostro obiettivo di marketing è comprendere meglio l’uso di canali digitali che stanno avendo un valore fondamentale per il calcio.

Gli eSport sono un fenomeno globale che non possiamo confinare ma il punto è importante per l’Italia. L’Italia ha un gap da recuperare e deve lavorare molto a livello di innovazione con eventi e la valorizzazione delle potenzialità nazionali. L’osservatorio OIES è un fattore che può aiutare a livello di scambio di informazioni.

Dal punto di vista degli esport ho seguito tutti gli eventi, perché dovevo imparare. A volte hanno assorbito il 50% del mio tempo. Pensare che solo un anno fa non c’erano… L’importanza strategica degli esport è molto importante”.

 

 

ESports. Il 60% dei giovani li conosce e ci vuole giocare

PressGiochi