28 Settembre 2020 - 10:52

Russia. Putin firma legge per riconoscere le monete virtuali

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato la legge sulle attività finanziarie digitali. La legge riconosce l’esistenza di bitcoin, token e altre risorse digitali. Tuttavia, non rimuove le restrizioni per

05 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato la legge sulle attività finanziarie digitali. La legge riconosce l’esistenza di bitcoin, token e altre risorse digitali. Tuttavia, non rimuove le restrizioni per consentire alle persone di utilizzare la criptovaluta come moneta a corso legale.

Secondo la nuova regola, che dovrebbe entrare in vigore nel gennaio 2021, i cittadini russi potranno acquistare e vendere bitcoin e altre denominazioni digitali. Fino ad ora, varie criptovalute si trovavano in una “zona grigia”, poiché lo stato non riconosceva la loro esistenza, ma non esistevano nemmeno sanzioni per il mining o l’acquisto.

La legge non conferisce alle criptovalute gli stessi diritti del rublo o di qualsiasi altra valuta fiat. Dopo l’entrata in vigore della nuova legge, sarà ancora impossibile per le persone utilizzare le valute digitali come moneta a corso legale in Russia. Solo le organizzazioni finanziarie selezionate dalla Banca centrale, così come le borse, potranno farlo.

“La criptovaluta è descritta dai legislatori come un mezzo di pagamento e un mezzo di risparmio, come un investimento, ma non può essere utilizzato per pagare beni e servizi in Russia”, ha detto Anatoly Aksakov, capo del Comitato Mercato e finanza della Duma di Stato.

PressGiochi