24 Gennaio 2022 - 17:33

Rosato (IV): “Serve una grande intesa istituzionale per il riordino del gioco pubblico”

“La pandemia ha aggravato i problemi già esistenti. Il settore dei giochi è un settore sensibile sul quale non sempre si è riusciti a dare risposte al mondo economico che

13 Gennaio 2022

Print Friendly, PDF & Email

“La pandemia ha aggravato i problemi già esistenti. Il settore dei giochi è un settore sensibile sul quale non sempre si è riusciti a dare risposte al mondo economico che lo caratterizza. Sono mancate risposte che permettessero una pianificazione degli investimenti sostenibili per gli operatori, va considerato che non tutti i giochi sono uguali, alcuni sono caratterizzati da una elevata tecnologia, altri da un’elevata occupazione. Per questo è necessario affrontare tutti questi aspetti con il giusto equilibrio”.

Così è intervenuto l’on. Ettore Rosato di Italia Viva aprendo l’incontro organizzato quest’oggi online da Formiche dal titolo: “Il gioco buono. Il punto di vista degli enti locali”.

Come ha commentato Rosato: “Il fenomeno della ludopatia è stato tanto discusso in Parlamento ma non va minimizzato. Non pensiamo solo al gioco delle slot machine ma anche al gioco online. Temi diversi che vanno affrontati tenendo conto di tutti gli attori in campo, e anche dei comuni. Serve una grande intesa istituzionale per soluzioni che permettano al mercato di avere regole chiare ed uniformi, indipendentemente dal colore politico. Il confronto avviato in Conferenza Stato Regioni è una buona base dalla quale partire. Ricordiamo che dove non c’è gioco legale c’è quello illegale. Inoltre, le infiltrazioni della criminalità nel gioco legale sono certificate dalle operazioni della Magistratura, per questo è dovere delle istituzioni intervenire con serietà includendo anche le istituzioni locali. Il settore in questi anni ha pagato un prezzo molto alto visto che i ristori non sono stati proporzionati rispetto ai danni subiti”.

 

PressGiochi