22 novembre 2019
ore 14:52
Home hot1 Riforma Pensioni. Da giochi online e grattini, il finanziamento al pdl Polverini

Riforma Pensioni. Da giochi online e grattini, il finanziamento al pdl Polverini

“La copertura finanziaria per questo eventuale provvedimento potrebbe derivare da un prelievo sui giochi on line e sulle lotterie istantanee”. Lo dice chiaramente Renata Polverini, vice presidente alla Camera di Forza Italia ed ex governatrice della Regione Lazio, presentando la sua nuova proposta di legge sulla flessibilità in uscita che mira al sostegno alla maternità e a quei lavoratori che devono assistere i propri familiari disabili. Il meccanismo inserito nel ddl dovrebbe consentire al lavoratore di accedere al pensionamento anticipato tramite un sistema premiale simile a quello proposto da Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera. Il pdl si rifà alla proposta della stessa polverini del 2013 nella quale si chiedeva di finanziare gli interventi di legge
SHARE
Riforma Pensioni. Da giochi online e grattini, il finanziamento al pdl Polverini

“La copertura finanziaria per questo eventuale provvedimento potrebbe derivare da un prelievo sui giochi on line e sulle lotterie istantanee”. Lo dice chiaramente Renata Polverini, vice presidente alla Camera di Forza Italia ed ex governatrice della Regione Lazio, presentando la sua nuova proposta di legge sulla flessibilità in uscita che mira al sostegno alla maternità e a quei lavoratori che devono assistere i propri familiari disabili.

Il meccanismo inserito nel ddl dovrebbe consentire al lavoratore di accedere al pensionamento anticipato tramite un sistema premiale simile a quello proposto da Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

Il pdl si rifà alla proposta della stessa Polverini del 2013 nella quale si chiedeva di finanziare gli interventi di legge sulle pensioni attraverso l’adozione di nuove misure fiscali in materia di giochi pubblici on line, lotterie istantanee e apparecchi e congegni di gioco.

Il provvedimento è destinato, soprattutto, a tutti quei lavoratori che hanno almeno un’anzianità contributiva di 35 anni, un’età anagrafica non inferiore ai 62 anni e l’importo dell’assegno previdenziale non inferiore ad una volta e mezza l’importo dell’assegno sociale.

 

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN