21 Settembre 2020 - 05:31

Riccardo De Facci, pres. Cnca: “Giocare è troppo facile, problema di invasività”

“Giocare è troppo facile – ha osservato il vicepresidente del Cnca, Riccardo De Facci – in Italia c’è un problema di invasività del gioco, di posizionamento delle macchinette: secondo le nostre mappature sono

29 Novembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

“Giocare è troppo facile – ha osservato il vicepresidente del Cnca, Riccardo De Facci – in Italia c’è un problema di invasività del gioco, di posizionamento delle macchinette: secondo le nostre mappature sono troppo vicine a luoghi sensibili, come le scuole. Più del 55% dei circa 90 miliardi raccolti dal comparto vengono dalle macchinette: vediamo le conseguenze nei danni economici subiti dalle famiglie”.

Secondo lo studio Espad Ifc-Cnr del 2015, contenuto nello Year Book, il 48,5% degli studenti di 15-19 anni, pari a circa 1,2 milioni di ragazzi, ha giocato d’azzardo almeno una volta nella vita. A esserne attratti sono più i maschi (51,5%) delle femmine (32%); oltre un terzo (37,7%) è minorenne. Il 62% di chi gioca l’ha fatto una volta al mese, il 12% 2-5 volte a settimana. Il 69% ha giocato al Gratta e vinci, il 47% ha puntato su scommesse sportive, il 14% è stato attratto dalle new slot-vlt”.

PressGiochi