28 Settembre 2020 - 22:05

Revisione del sistema sanzionatorio: sanzione da 250 a euro 1.000 euro su violazioni delle contabilizzazione dei proventi dei casinò

Lo schema di decreto di revisione del sistema sanzionatorio attuativo della Delega fiscale prevede la revisione del sistema penale tributario, mediante modifiche del D.Lgs. n. 74 del 2000 (Titolo I)

09 Luglio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Lo schema di decreto di revisione del sistema sanzionatorio attuativo della Delega fiscale prevede la revisione del sistema penale tributario, mediante modifiche del D.Lgs. n. 74 del 2000 (Titolo I) e la modifica dell’impianto sanzionatorio amministrativo (Titolo II).

Il decreto dà attuazione all’articolo 8 della legge delega n. 23 del 2014, il quale reca i principi e criteri direttivi per la revisione del sistema sanzionatorio penale, che deve essere attuata secondo criteri di predeterminazione e proporzionalità, e la revisione del regime della dichiarazione infedele e del sistema sanzionatorio amministrativo al fine di meglio correlare le sanzioni all’effettiva gravità dei comportamenti, con la possibilità di ridurre le sanzioni per le fattispecie meno gravi o di applicare sanzioni amministrative anziché penali, tenuto anche conto di adeguate soglie di punibilità.

L’unica norma del nuovo sistema sanzionatorio relativa al settore dei giochi, che tra l’altro rimane invariata, è quella legata alla mancata o irregolare compilazione delle distinte di contabilizzazione dei proventi delle case da gioco per la cui violazione si applica la sanzione da euro 250 a euro 1.000 euro.

PressGiochi