28 Settembre 2020 - 10:37

Regno Unito. Slitta di due settimane la riapertura dei casinò in Inghilterra

Il Betting and Gaming Council (BGC), ha scritto al Cancelliere dell’Exchequer del Regno Unito per esprimere il “totale disappunto” del settore alla decisione di rinviare nuovamente la riapertura dei casinò in Inghilterra. I casinò avrebbero dovuto riaprire sabato 1 agosto, ma a un solo giorno dalla riapertura, il Governo ha annunciato che l’allentamento delle misure di blocco sarebbe stato posticipato di almeno due settimane.

04 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il Betting and Gaming Council (BGC), ha scritto al Cancelliere dell’Exchequer del Regno Unito per esprimere il “totale disappunto” del settore alla decisione di rinviare nuovamente la riapertura dei casinò in Inghilterra. I casinò avrebbero dovuto riaprire sabato 1 agosto, ma a un solo giorno dalla riapertura, il Governo ha annunciato che l’allentamento delle misure di blocco sarebbe stato posticipato di almeno due settimane. L’annuncio è arrivato a seguito dell’aumento dei casi COVID-19 nel nord dell’Inghilterra. Il Primo Ministro britannico Boris Johnson ha affermato che è necessario rallentare l’uscita del paese dal blocco. I casinò in Inghilterra non saranno in grado di riaprire almeno fino al 15 agosto. Il ritardo è stato accolto con sgomento dal BGC, che aveva fatto pressioni affinché i casinò potessero riaprire. In una lettera al Ministro delle Finanze, il cancelliere Rishi Sunak, l’amministratore delegato della BGC, Michael Dugher, ha dichiarato che il turno di svolta è stato “altamente illogico, incoerente e profondamente dannoso per le imprese e le migliaia di personale che impiegano”, scrivendo: “Ci hanno detto che la strategia era di passare ai blocchi regionali e locali, ma l’annuncio del Governo costringe tutti i casinò a rimanere chiusi. È anche vero che le nuove restrizioni dovrebbero essere incentrate sulle famiglie, non sulla chiusura delle attività”. I casinò avevano richiamato il personale dal ritiro per riaprire sabato e Dugher ha avvertito che dopo aver speso milioni per i preparativi, gli operatori potrebbero essere costretti a “licenziamenti significativi” in un settore che impiega oltre 14.000 persone

Dugher ha dichiarato: “Quest’ultimo fiasco rappresenta un duro colpo per l’industria dei casinò che rimarrà chiusa per quasi cinque mesi. I casinò sono una parte fondamentale della nostra industria del tempo libero, dell’ospitalità, dell’intrattenimento e del turismo. Il supporto di HM Treasury, come il Job Retention Scheme, ha davvero aiutato, ma ora i nostri membri saranno costretti a pagare le assicurazioni nazionali in aggiunta agli stipendi di agosto durante la chiusura. Con la progressiva eliminazione dei pagamenti, non ci sarà flessibilità per i casinò nell’adattarsi al nuovo ambiente di lavoro e di svago quando verrà loro permesso di riaprire”.

Lee Hall, direttore del locale presso il Casinò Alea di Nottingham, ha dichiarato: “Abbiamo inserito un sistema a senso unico, verranno effettuati controlli di temperatura, abbiamo pochissimi punti di contatto, tutte le attrezzature sono state distribuite per rispettare il distanziamento sociale, è stato un lavoro enorme in un locale di queste dimensioni. Noi, intendendo i casinò nel loro insieme, disponiamo anche del più sofisticato sistema di tracciabilità nel Regno Unito. Possiamo effettivamente rintracciare ogni tavolo da gioco e sapere dove erano le persone sedute e chi erano vicine. Il Governo ci ha classificato come ad alto rischio e non sappiamo perché, non ha senso. Siamo fortemente regolamentati e abbiamo posto delle restrizioni alla nostra occupazione”.

 

 

PressGiochi