31 Ottobre 2020 - 04:38

Regno Unito. Ritardato il ritorno degli spettatori alle corse ippiche a causa del COVID-19

La British Horseracing Authority (BHA) ha avvertito che l’industria delle corse in Gran Bretagna deve affrontare una “grave minaccia” dopo che il ritorno degli spettatori agli eventi è stato ritardato a causa di un aumento dei nuovi casi di Coronavirus.

23 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

La British Horseracing Authority (BHA) ha avvertito che l’industria delle corse in Gran Bretagna deve affrontare una “grave minaccia” dopo che il ritorno degli spettatori agli eventi è stato ritardato a causa di un aumento dei nuovi casi di Coronavirus. Il Primo Ministro Boris Johnson ha annunciato una serie di nuove misure per rallentare la diffusione del COVID-19. Ciò ha visto la cancellazione di programmi pilota pianificati in cui un numero limitato di fan sarebbe stato autorizzato a tornare negli impianti sportivi. Si sperava che gli spettatori potessero tornare agli eventi sportivi dal 1° ottobre. Altre misure includono strutture ricreative, come casinò, bar e ristoranti, che devono chiudere entro le 22:00 a partire dal 24 settembre, mentre le persone sono nuovamente incoraggiate a lavorare da casa. Le restrizioni si applicano solo all’Inghilterra, ma il Primo Ministro ha detto che misure simili sono state concordate e saranno applicate dai Governi di Scozia, Galles e Irlanda del Nord. Tuttavia, la BHA ha affermato che il ritardo per il ritorno del pubblico agli eventi sportivi è un “duro colpo” per l’industria delle corse, così come per le persone e le comunità che dipendono da esse. Il BHA ha spiegato: “La risposta esemplare degli spettatori nel seguire le misure che abbiamo messo in atto ha dimostrato che gli eventi organizzati possono essere gestiti in sicurezza, ma nonostante tutti questi sforzi, il nostro settore sta affrontando una grave minaccia. Siamo il secondo sport per spettatori più seguito nel paese. Senza i milioni di persone che normalmente si godono una giornata alle gare, il lavoro di molte persone è a serio rischio, così come lo sono le aziende in cui lavorano”. Il BHA aveva già avvertito il Governo del Regno Unito che il settore potrebbe perdere fino a 300 milioni di sterline di entrate quest’anno a causa del COVID-19 e ora effettuerà un’altra valutazione dell’impatto economico. L’amministratore delegato di BHA Nick Rust incontrerà il segretario alla Cultura Oliver Dowden per un colloquio sull’impatto per il settore, con il Primo Ministro che ha dichiarato che il Governo sta lavorando per sostenere il settore.

 

PressGiochi