21 Settembre 2023 - 19:00

Regno Unito: la Gambling Commission raccomanda di non ostacolare le richieste dei prelievi da parte dei giocatori

La capacità dei clienti del Regno Unito di prelevare fondi dai propri conti non deve essere ostacolata, ha affermato la UK Gambling Commission (UKGC), ma possono verificarsi restrizioni ai depositi.

21 Luglio 2023

Print Friendly, PDF & Email

La capacità dei clienti del Regno Unito di prelevare fondi dai propri conti non deve essere ostacolata, ha affermato la UK Gambling Commission (UKGC), ma possono verificarsi restrizioni ai depositi.

Il regolatore è attualmente impegnato in discussioni con le parti interessate del settore delle scommesse nel Regno Unito mentre il settore continua d analizzare le raccomandazioni della revisione del Gambling Act. La piena attuazione dei risultati della revisione è prevista per il prossimo anno.

Lucy Denton, direttore delle comunicazioni della Commissione, ha spiegato in un post sul blog che l’autorità di regolamentazione “continuerà a lavorare con le aziende” man mano che procedono le consultazioni sul Libro bianco, tuttavia l’autorità di regolamentazione ha notato una serie di reclami dei clienti in merito ai prelievi.

Ogni anno, il Contact Center dell’UKGC ha ricevuto oltre 6.000 chiamate, con prelievi contrassegnati come “l’argomento numero uno sollevato” dai clienti, secondo Denton.

Il Direttore delle Comunicazioni ha spiegato: “I consumatori sono spesso frustrati nello scoprire che, dopo aver fatto una richiesta a un operatore per prelevare fondi dal proprio conto gioco, a volte devono attendere lunghi periodi prima che i fondi diventino disponibili per loro.

“Sentiamo anche i consumatori a cui è stato richiesto di inviare determinate forme di informazioni all’operatore, come i documenti di identità, prima che il ritiro possa essere elaborato”.

La Commissione ha ricordato agli operatori che i termini e le condizioni generali devono riflettere il diritto di recesso, che deve anche essere “chiaramente dichiarato” durante il processo di iscrizione del cliente a una promozione e sul conto di uno scommettitore.

Sebbene i bookmaker debbano verificare l’identità dei giocatori durante l’onboarding e la creazione di un account, non è possibile richiedere un ID come condizione per prelevare denaro. La protezione dei giocatori deve essere rispettata in modo trasparente e le comunicazioni ai clienti devono soddisfare i termini del Consumer Rights Act 2015.

Denton ha continuato: “Non è accettabile che gli operatori introducano attriti quando un cliente cerca di prelevare dal proprio conto piuttosto che nel punto in cui si deposita sul conto, o per anteporre gli interessi commerciali dell’operatore a quelli dei propri clienti”.

Sulla base di ciò, l’UKGC ha aggiunto che le informazioni utilizzate per determinare il rischio di danni legati al gioco d’azzardo non possono essere utilizzate anche per ritardare o impedire il prelievo di fondi, ma solo la capacità di un cliente di depositare.

“Continueremo a monitorare i reclami che riceviamo per comprendere le esperienze dei consumatori, poiché le loro opinioni modellano il nostro lavoro”, ha concluso Denton. Inoltre, intraprenderemo un’attività di conformità mirata per esaminare i termini e le pratiche pubblicati dagli operatori. Condivideremo qualsiasi insegnamento derivante da quel lavoro e valuteremo se sia necessario rafforzare ulteriormente il nostro quadro normativo”.

 

PressGiochi

×