28 Ottobre 2020 - 01:32

Regno Unito. La Gambling Commission pubblica i dati del gioco d’azzardo online per il mese di giugno

La Gambling Commission ha pubblicato ulteriori dati che mostrano come l’allentamento delle misure di blocco causato dal COVID-19 abbia influito sul comportamento del gioco d’azzardo online.

14 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Gambling Commission ha pubblicato ulteriori dati che mostrano come l’allentamento delle misure di blocco causato dal COVID-19 abbia influito sul comportamento del gioco d’azzardo online. I dati si riferiscono al mese di marzo più i tre mesi di blocco totale di aprile, maggio e giugno. È stato raccolto dagli operatori online e riflette solo il gioco d’azzardo online. Mentre il paese esce dal blocco, i comportamenti di gioco d’azzardo sono cambiati, ma confermano le riflessioni della Commissione verso gli operatori, che includevano la necessità di migliori controlli di accessibilità, la prevenzione dei ritiri inversi e le restrizioni sulle offerte di bonus. Gli ultimi dati online mostrano che il mercato del gioco d’azzardo è entrato in una nuova fase che presenta rischi dai danni del gioco.

I dati forniti dagli operatori mostrano un aumento del rendimento lordo del gioco d’azzardo (GGY) del 115% per le scommesse su eventi reali online tra maggio e giugno, che sale a 217,5 milioni di sterline, con GGY più alto durante il mese di giugno rispetto ai livelli pre-lockdown. I dati indicano una domanda repressa, in particolare per le scommesse legate al calcio. Nonostante un aumento dell’1% nel numero di giocatori di slot online da maggio, lo stesso periodo ha visto una diminuzione del 5% nel numero totale di giri di slot, con un corrispondente calo del 10% delle perdite per giocatore attivo. Le cifre di perdita per giocatore sono ancora significativamente più alte per le slot rispetto a qualsiasi altra attività di gioco d’azzardo online, con una perdita mensile media di £68 per le slot contro £54 per le scommesse su eventi reali e £37 per il casinò nel mese di giugno.

Un potenziale indicatore di danno è il numero di attività o prodotti di gioco d’azzardo intrapresi da un consumatore. Il numero di prodotti di gioco d’azzardo online giocati dai singoli consumatori continua a diminuire leggermente man mano che la crisi scende dal picco di inizio anno, sebbene i giocatori siano ancora più coinvolti rispetto a marzo 2019, la cifra per coloro che sono impegnati in più di un’attività è scesa dal 41% di aprile al 35% di giugno. Alla luce delle sfide e dei cambiamenti portati dalla crisi del COVID-19, siamo stati chiari sul fatto che ci aspettiamo che gli operatori si identifichino e interagiscano con i consumatori ove necessario. Da quando la Commissione ha emesso ulteriori linee guida per gli operatori, il numero di sessioni di slot online che durano più di un’ora è diminuito del 5% nel mese fino a giugno. Tra maggio e giugno, il numero di interazioni con i clienti è aumentato del 12% (da 760,48 a 849.428), sebbene all’interno di tale numero la maggior parte fosse di natura automatizzata. I dati degli operatori indicano che nel mese di giugno, il 6% delle interazioni segnalate erano contatti diretti da parte del personale.

 

 

 

PressGiochi