17 Gennaio 2021 - 10:29

Regno Unito. La Darts Regulation Authority squalifica McKinstry per match-fixing

La Darts Regulation Authority (DRA) ha bandito il professionista nordirlandese Kyle McKinstry dopo averlo ritenuto colpevole di aver manipolato due partite tenutesi nella serie Modus A Night at the Darts in aprile e maggio.

27 Novembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Darts Regulation Authority (DRA) ha bandito il professionista nordirlandese Kyle McKinstry dopo averlo ritenuto colpevole di aver manipolato due partite tenutesi nella serie Modus A Night at the Darts in aprile e maggio. Il 1 ° maggio, l’International Betting Integrity Association (IBIA) ha informato il DRA di attività sospette di scommesse su una partita svoltasi il giorno precedente, in cui McKinstry ha perso 5-0 contro David Evans. Due giorni dopo, l’IBIA ha segnalato un’attività sospetta di scommesse su una partita contro Wessel Nijman.

I rapporti hanno provocato un’indagine DRA in collaborazione con Sportradar Integrity Services, Sports Betting Intelligence Unit della Commissione per il gioco d’azzardo, Autorità di gioco di Malta, Regolatore del gioco d’azzardo di Gibilterra e singoli operatori. In un’udienza il 17 ottobre, McKinstry ha ammesso di aver manipolato la partita il 30 aprile ma ha negato la seconda accusa. Tuttavia, il DRA ha ritenuto McKinstry colpevole di entrambe le accuse e di una terza accusa per non aver collaborato alle indagini. McKinstry è stato squalificato per sei anni e mezzo per le due accuse di partite truccate e altri 18 mesi per non aver collaborato.

Il presidente del DRA Nigel Mawer ha dichiarato: “Questo dimostra che qualsiasi giocatore ritenuto colpevole di partite truccate a qualsiasi livello dello sport verrà scoperto e dovrà affrontare una lunga squalifica. La sospensione specifica per la mancata produzione di fatture telefoniche dettagliate è accolta con favore, poiché il requisito della cooperazione da parte dei giocatori è una parte importante di qualsiasi indagine DRA”

All’inizio di questa settimana, la tennista bulgara Aleksandrina Naydenova ha ricevuto una squalifica a vita dopo un’indagine della Tennis Integrity Unit su partite truccate.

PressGiochi